27.6 C
catania
lunedì 16 luglio 2018

Sbarco in Sicilia 1943, alle Ciminiere un convegno nel settantacinquesimo anniversario

“Operazione Husky 10 luglio 1943, tra storia e luoghi della memoria”, è il tema del convegno che si terrà martedì 10 luglio, alle 9.30, nella Sala C3 delle Ciminiere di viale Africa.
Interverranno: Salvo Pogliese, sindaco di Catania e della Città metropolitana; Sandro Pappalardo, assessore regionale al Turismo, Gianfranco Miccichè, presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Francesco Basile, rettore dell’Università di Catania; Sergio Parisi, assessore comunale al Turismo; Claudio Minghetti, comandante dell’esercito in Sicilia; Riccardo Tomasello, presidente della Cooperativa sociale Bios.

Introduce e modera Ezio Costanzo, storico e saggista; relazioni di Alfio Caruso, storico e saggista;  Lucio Villari, storico;  Ornella Laneri, presidente Fondazione Oelle;  Andrea Ungari, storico;  Mario Farrugia, presidente Fondazione Wirt Artna Malta;  Andrea Augello, storico e scrittore; Giuseppe Castronovo, presidente nazionale dell’Associazione nazionale vittime civili di guerra.
Interventi programmati: Antonio Raspanti, Giovanni Iacono, Daniele Lo Porto, Domenico Anfora, Salvatore Marino, Gianfranco Ciriacono, Carmela Zangara, Gianbattista Condorelli.

Catania: anteprima rassegna estiva 2018, dal 10 al 16 luglio musica, teatro e danza

SAMSUNG CSC

Musica, teatro e danza animeranno dal 10 al 16 luglio il Castello Ursino, il Teatro antico e il Palazzo della Cultura nell’ambito della Rassegna estiva organizzata dalla direzione Cultura. Gli spazi scenici allestiti all’interno dei tre siti presentano una serie di concerti e spettacoli tutti con inizio alle ore 21.

Il Castello di piazza Federico di Svevia ospita martedì 10, mercoledì 11 e lunedì 16, tre concerti dell’Istituto Musicale Vincenzo Bellini di Catania. L’accesso è libero sino a esaurimento posti, con ritiro del biglietto dalle ore 20 al botteghino. Venerdì 13,  sabato 14 e domenica 15 il maniero federiciano  fa da cornice alla rassegna “Novelle per un anno”, a cura del Teatro Stabile che ha in calendario, a pagamento, “La morte addosso” e “Il treno ha fischiato” di Luigi Pirandello.

Il Teatro antico greco-romano, incastonato tra via Vittorio Emanuele II e via Teatro greco, mercoledì punta i riflettori  su  Sikelia Ballet Company e Cronaca da Cavalleria Rusticana Opera Balletto con etoile Luciana Savignano, regia e coreografie di Giuseppe Bonanno, a  cura del Teatro Massimo Bellini di Catania.  Sabato 14 è la volta dello spettacolo di danza del Balletto di Milano, a cura di Taormina Arte. I due eventi sono a pagamento.

La corte del  Palazzo della Cultura, in via Vittorio Emanuele II n. 121, dal 12 al 14 luglio si colora di musica e danze orientali con The International Festival of  Dance Music and Culture, a cura di Sara Pappalardo.  La IX edizione della rassegna presenta giovedì il Premio Enzo Puglisi concorso di danza orientale,  venerdì Bollywood Night e sabato il Gran Gala della Danza, eventi a pagamento. Domenica, nel Palazzo di via Vittorio Emanuele, spazio per “Sei pronto per la fine del mondo? Gioco scenico musicale sull’umanità”, a cura dell’associazione Meridies. L’ingresso è a pagamento.

Lo show di Pio e Amedeo e il live di Antonello Venditti a Noto tra gli eventi più importanti dell’estate siciliana.

Eventi, mostre, appuntamenti imperdibili. Noto aspira a diventare la location più importante dell’estate siciliana grazia ad una sinergia pubblico-privato che ha già dato i primi frutti. Due degli eventi più attesi dell’estate sono lo show di Pio e Amedeo, in programma nello splendido scenario della scalinata della Cattedrale il 28 luglio e l’imperdibile concerto di Antonello Venditti che sarà nella città culla del barocco il 12 agosto.

Lo spettacolo di Pio e Amedeo segnerà il debutto siciliano dei due comici pugliesi. Annunciata a sorpresa sui social, la tappa di Noto di “Tutto fa Broadway”, arriva dopo il grande successo del tour teatrale e di Emigratis, giunto quest’anno alla sua terza edizione, che ha sbancato gli ascolti in prima serata su Italia 1. La loro comicità eccessiva, politicamente scorretta, non è più una sorpresa, Pio e Amedeo sono ormai una certezza, che grazie al loro essere così fortemente pop, li ha resi ormai un fenomeno cult. Pio e Amedeo portano all’eccesso i difetti tipici degli italiani, esasperano i cliché a modo loro, scandalizzano, ma colgono nel segno. Il duo di San Severo, grazie alla sua comicità sboccata, esagerata e politicamente scorretta ha saputo veramente conquistare tutti, esagerando iperbolicamente i difetti nostrani e mettendoci un po’ tutti a nudo. Pio e Amedeo sono ormai diventati un fenomeno pop e  nel nuovo spettacolo metteranno in scena uno spaccato della società italiana letto con la loro solita comicità dissacrante e senza peli sulla lingua che da sempre li caratterizza.

Antonello Venditti rivivrà il 12 agosto a Noto (scalinata della Cattedrale) i suoi 50 anni di carriera. Nella sua avventura musicale, Antonello ha emozionato diverse generazioni mettendo in canzone i suoi sentimenti e l’amore, ma anche temi sociali e culturali. Con 30 milioni di copie è uno tra gli artisti italiani con il maggior numero di dischi venduti. La carriera artistica di Antonello Venditti nasce al Folkstudio, fucina di molti cantautori dei primi anni ’70. Vive artisticamente quegli anni con grande fermento e partecipazione pubblicando quasi un album l’anno, e diventando uno dei maggiori capisaldi della musica d’autore italiana. Tra la fine degli anni ’80 e l’inizio dei ’90 Venditti incide album che lo riportano in vetta alle classifiche, come agli esordi. “In questo mondo di ladri” del 1988 e “Benvenuti in paradiso” del 1991 arrivano a vendere circa un milione di copie, grazie anche a bellissime canzoni d’amore come “Ricordati di me” ed “Amici mai”. Nella scaletta del nuovo tour estivo non potranno mancare canzoni entrate di diritto nella storia della musica come “Bomba o non bomba”, “Lilly”, “Roma capoccia”, “Peppino”, “Notte prima degli esami”, “In questo mondo di ladri”, “Dimmelo tu cos’è”, “Sara”.

I biglietti per i due eventi, organizzati da Giuseppe Rapisarda Management, sono in vendita su ticketone e nel circuito di prevendite abituale. Infoline: 0957167186.

Inviti omaggio per l’anteprima del film “SPOSAMI, STUPIDO!”

Per i lettori di Cataniaoggi, gli inviti omaggio per anteprima del film, “SPOSAMI, STUPIDO!” la divertente commedia degli equivoci diretta da Tarek Boudali, protagonista di grandi successi tra cui Babysitting, arriverà nelle sale italiane il prossimo 20 giugno distribuito da Koch Media.

Una sveglia che non suona può far perdere un visto: è così che Yassine, da poco trasferitosi a Parigi dal Marocco per studiare architettura, si addormenta da studente modello e si risveglia da immigrato illegale in Francia. Dopo aver tentato l’impossibile resta un’unica soluzione: sposare il suo migliore amico. Ma proprio quando il giovane crede di aver risolto tutti i suoi guai, un ispettore tenace decide di indagare su di loro per verificare che non si tratti di un matrimonio truffa…

L’ anteprima si svolgerà il 12 giugno ore 20.30  a CATANIA  a   presso il The Space Belpasso.

Registrati qui

 

Torna il 3 giugno la “Domenica al Museo”

SAMSUNG CSC

In occasione dell’iniziativa “Domenica al museo”, il 3 giugno i siti comunali saranno aperti al pubblico con ingresso gratuito o a tariffa ridotta.

Saranno a ingresso libero, dalle ore 9 alle 13, il Palazzo della Cultura con la mostra ex “Libris Opere 1936 – 2016 Collezione Alfio Milluzzo”,  e la Galleria d’Arte Moderna nell’ex Convento Santa Chiara, con la mostra “Totò Genio”.

Tariffa ridotta per il Museo Civico Castello Ursino dalle ore 9 alle 21 (la biglietteria chiude un’ora prima), i musei Emilio Greco e Belliniano dalle 9 alle 13, e la mostra “Toulouse Lautrec La Ville Lumière”, al Palazzo della Cultura, dalle 10 alle 20 (la biglietteria chiude un’ora prima).

Continua nel weekend l’appuntamento con Nivarata ad Acireale: 15 granite da gustare

Continua nel weekend l’appuntamento con Nivarata, il festival internazionale della granita siciliana ad Acireale. Ieri l’inaugurazione in piazza Duomo e da subito sono stati tanti i visitatori, siciliani e non, che hanno attraversato il percorso di degustazioni assaggiando le 15 granite in concorso.

“L’allorina” di Giuseppe Arena, il “limone profumato allo zenzero” di Gentian Ashiku, “Bissap” di Alessandro Attilio, “Il mio oltrepò” di Luigi Beretta, “Picnic on Brighton beach” di Seb Cole, “Honey moon” di Salvatore Fasolo, la “Cassata sbagliata” di Peppe Flamingo, “Portofino in fiore” di Fabio Marconi, “Rossomandarino” di Giovanna Marsilio, “Pomodori deliziosi per il mattino” dal Giappone con Mariko e Shoei Nakagawa, “Calabrisella” di Chiara Saffiotti, “3 Carati” di Ilaria Scarselli, “Noci e miele” di Aurelio Seminara, “Ice Vitamix” di Alessandro Squatrito, ” Nascondino di Ciokkolatte” di Guido Zandona.

Anche oggi sabato 26 maggio, per tutto il giorno, sarà possibile degustare le creazioni dei gelatieri e granitieri in concorso. E non solo. In programma il live food show “La granita Nutraceutica” a cura dei maestri Nicola Netti (FIG) e  Pietro di Noto maestro gelatiere di “Buono a sapersi” e “La prova del cuoco” RAI1. A seguire. “Alla scoperta della Granita Siciliana” a cura di Conpait gelato con i maestri di Conpait Gelato e i maestri in concorso. Nel pomeriggio, dalle ore 16.30, lo spettacolo laboratorio “Biodiversità dall’orto al gelato” a cura della SIDAG con Alberto Marchetti, Roberto Lobrano. Alle ore 19, il live food show a cura di “Chef con la coppola” che, durante Nivarata, propongono la loro cucina gourmet realizzata con prodotti naturali e curata in ogni dettaglio.

Gli appuntamenti di Nivarata continuano anche domani, domenica 27 maggio, con il live food show “Il Gelato in – fiore” a cura dei Maestri della Gelateria Italiana: Arnaldo Conforto, Ruben Pili, Placido Prestipino, Giuseppe Rizza.  “La granita senza confini” a cura di Conpait gelato con  i maestri di Conpait Gelato e i gelatieri in concorso. Laboratori per i bambini “Impariamo il buon gelato” a cura di Gelatieri per il Gelato con Roberto Lobrano, Ruben Pili. La Performance live di sculture di ghiaccio con Marco Torrisi di Ice Maker Creations and Villa Mirador – sponsorizzato da Free Ice. A chiusura la cerimonia di premiazione della granita dell’anno.Per info sul programma completo >https://www.nivarata.it/programma-nivarata/

“Pensaci Giacomino” nella prossima stagione del teatro stabile di Catania Grande attesa per Gullotta

Nella prossima stagione teatrale, torna Leo Gullotta a Catania con il suo nuovo spettacolo prodotto dalla Compagnia ENFI teatro in coproduzione con il TSC.Il 30 ottobre al teatro Verga debutterà in prima nazionale “Pensaci Giacomino” di Luigi Pirandello interprete principale Leo Gullotta con la regia di Fabio Grossi . Spettacolo scritto nel 1917 dal premio Nobel agrigentino, è tutt’ora di grande contemporaneità. Si affrontano temi come la condizione della donna, il rapporto dello Stato nei confronti dei dipendenti pubblici, nella fattispecie degli insegnanti, le maldicenze del prossimo, il perbenismo dei benpensanti. Il grande attore Catanese, si muoverà attraverso grandi giganti, che raffigurano una società che implacabilmente giudica e condiziona la vita.

Carnevale Acireale: Bilancio edizioni 2017 e 2018, con i risultati dell’indagine demoscopica di gradimento

Più di 350mila visitatori complessivi oltre alle presenze locali, un indotto economico che si aggira intorno ai 5 milioni di euro, la gestione di una struttura importante come la Cittadella dei carri allegorici e un primato regionale da non perdere: il “Più Bel Carnevale di Sicilia”, inteso nella sua accezione più ampia di storica tradizione culturale che comprende anche la “Festa dei Fiori”, si impone di fatto come tema politico centrale per la città di Acireale. Ed è questa la ragione che ha spinto il presidente della Fondazione del Carnevale Antonio Belcuore, a conclusione del suo mandato, a tracciare il bilancio dell’attività dell’ente, partendo dalla sua costituzione (nel 2014 con la guida di Antonio Coniglio) fino alle ultime due edizioni, che hanno decretato «un punto fondamentale di svolta nell’organizzazione di questo evento imponente, anche grazie all’introduzione di regole chiare e certe», come sottolineato da Belcuore nel corso della conferenza stampa di questa mattina (17 maggio) a Palazzo di Città.

Risultati significativi, certificati numericamente grazie ai controlli di sicurezza – che hanno permesso di monitorare i flussi – e grazie ai dati elaborati dall’Università di Catania: «Nel corso delle giornate del Carnevale – ha spiegato il presidente della Fondazione – abbiamo somministrato un questionario di gradimento a un campione demoscopico di oltre 300 persone, calcolato sulla media di 60mila persone al giorno per weekend. Tre le fasce d’età considerate: 15-30 anni (35%), 30-60 (39%), e over 60 (26%). Il 90% è di provenienza extra comunale, di cui il 50% non siciliano. Più della metà dei giudizi è molto positiva. Inoltre ben il 51% del totale partecipava per la prima volta alla manifestazione, ciò implica l’ottimo livello di comunicazione raggiunto, soprattutto a livello nazionale».

A queste statistiche, Belcuore ha poi aggiunto il punto chiave che ha consentito di raggiungere un tale traguardo: «Le associazioni dei carristi, la cui arte e passione sono un reale strumento di sviluppo – ha detto – Il Carnevale esiste perché sono loro a renderlo vivo. Sono i primi ad aver creduto nello sdoppiamento dei carri, in cartapesta e infiorati, che si è rivelato senza dubbio una scelta vincente, capace di attrarre migliaia di turisti in un periodo solitamente non turistico per Acireale, come quello primaverile. Anche l’esperienza dei testoni dedicati al G7 di Taormina ha confermato le enormi potenzialità di destagionalizzazione».

«Ringrazio anche l’intero Consiglio della Fondazione – ha dichiarato Belcuore – i volontari, le forze dell’ordine, e l’Amministrazione comunale guidata da Roberto Barbagallo, che mi ha dato l’incarico e ha permesso senza ingerenze di portare avanti una piccola costruttiva rivoluzione. Oggi il Carnevale di Acireale e la Festa dei Fiori hanno un posizionamento alto nel calendario regionale e nazionale, riconosciuto da organi di stampa autorevoli. Hanno una nuova immagine grafica, vantano finalmente il merchandising e una comunicazione digitale di straordinaria efficienza, sia sui social network (che hanno fatto da cassa di risonanza per milioni di utenti nel mondo) che sui siti web. Tra questi, quello della Fondazione ha ricevuto da pochi giorni un premio internazionale, anche per il suo aspetto istituzionale che mette in primo piano l’amministrazione trasparente».

La prossima squadra organizzativa, la cui nomina spetta alla giunta comunale che sarà eletta, eredita dunque una Fondazione solida, un Carnevale e una Festa dei Fiori in pieno fermento: «Mi auguro che chi prenderà le redini continui a puntare in alto – ha concluso Belcuore – Bisogna lavorare molto sul fronte dei servizi, ma ciò che manca veramente al Carnevale è la partecipazione della città. Va stimolato il coinvolgimento degli acesi e non alimentata la polemica di pochi. Il Carnevale è di Acireale, i cittadini devono sentirlo proprio. Acireale non è solo la cornice, è protagonista assoluta in tutta la sua dimensione sociale».

Notte europea dei Musei, una mostra di collezioni museali al Palazzo centrale

Sabato 19 maggio, in occasione della Notte Europea dei Musei, al Palazzo Centrale dell’Università di Catania sarà visitabile la mostra dal titolo: “Viaggio nelle collezioni museali dell’Ateneo di Catania dal 1434 ad oggi – Un progetto di condivisione nell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale”, visitabile gratuitamente dalle 9 alle 23.

La mostra si propone di portare alla conoscenza del pubblico i beni materiali e immateriali rappresentativi del patrimonio dell’Ateneo di Catania, anche in riferimento alle peculiarità del territorio siciliano e alla sua identità storica e culturale. I visitatori potranno svolgere un viaggio nelle collezioni dell’Università e conoscerne la storia.

Saranno esposti alcuni reperti rappresentativi delle collezioni dei Dipartimenti di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente (Di3A), Fisica e Astronomia (Dfa), Giurisprudenza, Ingegneria civile e Architettura (Dicar), Scienze biologiche, geologiche e ambientali, Scienze biomediche e biotecnologiche, Scienze umanistiche (Disum) custodite nelle collezioni e nei musei d’Ateneo (Archivio ceramografico; Museo della Fabbrica del Monastero dei Benedettini; Museo di Archeologia; Archivio Storico dell’Università di Catania; Collezione di microfilm di manoscritti giuridici dei secoli XII-XIV e Fondo storico della Biblioteca di Scienze giuridiche; Collezione di strumenti antichi della Fisica; Collezioni di Agrobiodiversità; Collezione di Mineralogia, Petrografia e Vulcanologia, Collezione Sartorius von Waltershausen; Collezione degli Strumenti di misura mineropetrografici, geofisici e geochimici; Collezione di Paleontologia; Museo di Zoologia e Casa delle farfalle; Orto Botanico ed Herbarium; Museo della Rappresentazione; Museo di Biologia e Anatomia Umana “Lorenzo Bianchi”).

 

Etna in Primavera, appuntamenti dal 20 al 22 maggio

Entra nel vivo con ulteriori, prestigiosi appuntamenti la 9^ edizione di Etna in Primavera che, nei giorni festivi, polarizza l’attenzione di tanti visitatori e turisti a Zafferana Etnea. Il prossimo week-end –ed in particolare domenica 20 maggio- nel centro storico del paese è in programma un raduno di auto storiche mentre in serata, alle ore 19,30 nel Centro Sociale di via Fossazza, la Val Calanna Teatro presenterà la compagnia Teatro C.A.S.T.-Rosolini in “Il tuono di marzo” (III atti di Eduardo Scarpetta con regia di Gino Avola).

Ma la prestigiosa kermesse primaverile zafferanese vivrà un momento particolarmente atteso anche dal 20 al 22 maggio prossimi in occasione di Cibo Nostrum – “La grande festa della cucina italiana”: una tre giorni alla scoperta dell’arte culinaria-vinicola italiana e la cultura dei suoi territori, a cura della Federazione Italiana Cuochi con Zafferana e Taormina al centro dell’attenzione per esperti del settore e non solo.

“Etna in Primavera”, è stata ideata dall’attuale sindaco Alfio Vincenzo Russo, pienamente condivisa dal suo vice nonché assessore al Turismo, Giovanni Di Prima con la direzione artistica dell’assessore Graziella Torrisi. L’evento, vivrà inoltre il suo clou in occasione della 4^ Festa del Miele che si terrà il 9 giugno e che sarà arricchita -anche quest’anno- dalla realizzazione del suggestivo arazzo di gemme di sale che farà, come al solito, bella mostra nella salita di via Carso, attigua al Palazzo di Città di Zafferana.

Madre Uccisa in cimitero, condannato il figlio

E' stato condannato a 30 anni di reclusione dal Gup Anna Maria Cristaldi, Angelo Fabio Matà, il 44enne accusato di avere ucciso, il 7...