SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO A {WA-NOMESITO}? CLICCA QUI E REGISTRATI !

 

Centrale nucleare Latina, al via smantellamento schermi boiler edificio reattore

04 agosto 2020 17:13
Fonte: Adnkronos

Latina, 4 ago. - (Adnkronos) - Al via questa mattina presso la centrale nucleare di Latina la demolizione degli schermi dei generatori di vapore (boiler) dell'edificio reattore. Tale intervento rappresenta un passaggio significativo per il decommissioning dell'impianto pontino che avvia, di fatto, le attività di smantellamento dell'edificio reattore. Gli schermi sono le strutture in calcestruzzo armato che isolavano dall'esterno le condotte superiori di collegamento fra i sei boiler e l'edificio reattore. Ogni schermo è costituito da due parti: un elemento superiore orizzontale, collegato all'edificio reattore, di circa 145 t, e uno inferiore verticale, in uscita dai boiler, di circa 50 t (). La tecnica adottata da Sogin per la loro rimozione è la demolizione controllata con taglio in quota, a circa 50 metri di altezza, mediante disco diamantato, e la successiva movimentazione a terra dei blocchi sezionati, di circa 2 t ciascuno, con gru a torre appositamente installata. In seguito è previsto il trasferimento dei singoli blocchi in un'area attrezzata per separare il ferro dal calcestruzzo. I lavori si concluderanno nel gennaio 2021 e produrranno complessivamente circa 1.200 t di materiale che, dopo gli opportuni controlli radiometrici, verranno allontanate dal sito e inviate a recupero. “Oggi comincia una tappa fondamentale del decommissioning della centrale”, spiega Agostino Rivieccio, Responsabile Sogin Disattivazione centrale di Latina. "Le tappe da oggi al 2027 sono: la demolizione degli schermi in calcestruzzo armato dei boiler delle condotte superiori del circuito primario, la demolizione dei sei cilindri rossi e l'abbassamento dell'edificio reattore dagli attuali 53 metri ai 38 metri - continua Rivieccio - La fase successiva è la fase 2 del decommissioning della centrale di Latina e inizieremo appena sarà disponibile il deposito nazionale". Fase che consisterà nello smantellamento del reattore a grafite e nelle successive operazioni di trasferimento di tutti i rifiuti radioattivi al deposito nazionale. "Credo che sia un momento importante per il nostro territorio e anche per il nostro Paese", dice il sindaco di Latina Damiano Coletta sottolineando come quella di oggi sia "una tappa importante" del piano di decommissioning. "Ci tengo a sottolineare anche il buon rapporto che si è instaurato con Sogin con la quale stiamo per avviare un progetto che rientra nelle opere di ristoro della Sogin per quanto riguarda il nostro territorio che consiste nella messa in sicurezza e ristrutturazione di un ponte. Confidiamo che entro maggio-giugno del prossimo anno partano i lavori", annuncia il primo cittadino.

Photo gallery

Centrale nucleare Latina, al via smantellamento schermi boiler edificio reattore
 
 
 
ULTIME NOTIZIE
 
 
 
x

ATTENZIONE