SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO A {WA-NOMESITO}? CLICCA QUI E REGISTRATI !

 

Fase 2: chirurgo plastico, 'valanga richieste ritocchi, per 40% già filler e botox'

21 maggio 2020 17:39 :: aggiornamento 21 maggio 2020 18:11
Fonte: Adnkronos

Roma, 21 mag. (Adnkronos Salute) - Fase 2 è anche concedersi una coccola speciale. Coccola che per tante donne significa prendersi cura della propria bellezza. E dopo i prioritari estetista e parrucchiere, la parola d'ordine per molte è chirurgo plastico. "Sono numerosissime le pazienti che mi dicono di sentirsi stanche e invecchiate dopo questa quarantena, di avere bisogno di vedersi nuovamente 'fresche'. E poiché gli interventi chirurgici invasivi personalmente li ho rinviati a giugno, per rispettare scrupolosamente i parametri di sicurezza e ridurre al massimo i rischi, il 40% di loro è già tornato nel mio studio per un ritocco 'soft': botox, peeling, biorivitalizzazione, filler con acido ialuronico o trattamenti laser, che consentono di ottenere ottimi risultati e di rispondere alla domanda di 'refresh' dei pazienti. Perché sono anche maschi: diciamo in proporzione 30%-70%". A raccontarlo all'Adnkronos Salute è Matteo Angelini, chirurgo plastico, ricostruttivo ed estetico di Roma. "La richiesta post-lockdown è alta, quasi una 'valanga' direi - spiega il chirurgo - e anche se molti colleghi hanno ricominciato anche a operare, per la sicurezza di tutti personalmente io ho preferito rimandare a giugno. In ogni caso l'intervento chirurgico sarà preceduto da un test sierologico 10 giorni prima della data prevista e da un tampone 7 giorni prima, per escludere la positività al coronavirus. In questo momento accogliamo in studio i pazienti a cui è stato rimandato un intervento e vogliono riprogrammarlo per giugno, ed è tornato anche il 30% delle pazienti abituali, che periodicamente si rivolgono a me per trattamenti meno invasivi". "Sono tutte molto provate dalla quarantena, anche psicologicamente - racconta Angelini - hanno in media 40-45 anni. Per accedere in ambulatorio devono compilare un modulo triage, igienizzare le mani e riporre oggetti personali in una busta, indossare guanti e mascherina. In sala di attesa non possono sostare più di due persone, e viene fissato un appuntamento ogni ora. Quando devono essere trattate ad esempio sulle labbra e devono togliere la mascherina, io indosso anche uno schermo protettivo, oltre alla mascherina stessa, per la mia e la loro maggiore sicurezza".

Photo gallery

Fase 2: chirurgo plastico, 'valanga richieste ritocchi, per 40% già filler e botox'
 
 
 
ULTIME NOTIZIE
 
 
 
x

ATTENZIONE