SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO A {WA-NOMESITO}? CLICCA QUI E REGISTRATI !

 

Università: è morto Leonardo Masotti, ingegnere pioniere del laser industriale (2)

15 aprile 2021 19:32
Fonte: Adnkronos

#cronaca

(Adnkronos) - Masotti ha contribuito alla fondazione di una azienda (Proel) per lo sviluppo dell'elettronica di controllo di corrente e del cannone elettronico per l'esperimento del satellite col filo (Tethered Satellite) svolto in collaborazione tra la Nasa e la Italian Space Agency. E' stato nominato responsabile per la sperimentazione su piano nazionale del laser in odontostomatologia (1984-1986). Nel 1985 Masotti ha fondato il laboratorio di goniofotometria e optoelettronica della Facoltà di Ingegneria di Firenze, ospitato presso la ditta Targetti Sankey. Dal 1998 ha diretto un gruppo di ricerca multicentrico, comprendente Dipartimenti Universitari di Ingegneria e di Medicina, su nuovi metodi per la caratterizzazione di tessuti biologici mediante ultrasuoni. E' titolare di oltre 40 brevetti industriali, nazionali e internazionali e autore di oltre 250 lavori scientifici pubblicati su riviste nazionali e internazionali. Il consiglio di amministrazione di El.En. Spa ricorda ricordano così Leonardo Masotti: "Di lui ci restano il sorriso, la gentilezza di un signore d'altri tempi e la grande passione che ha trasmesso a tutti noi. Facciamone buon uso. E' un nostro dovere". Gabriele Clementi, presidente del Gruppo El.En., ha dichiarato: "Leonardo Masotti era una persona fondamentalmente innamorata del proprio lavoro, nel senso scientifico, divulgativo e didattico della parola. Si appassionava a tutto quello che gli veniva portato davanti. Era curioso, di una curiosità scientifica quasi maniacale. Da qualsiasi argomento si partisse, se saltava fuori un'idea, una novità o un'invenzione, subito si parlava di quello fino a che non avevamo sviscerato completamente tutto. Questa era la cosa che ci appassionava di più, qualcosa di difficilmente ripetibile. Aveva una grande passione, che si univa ad un totale voglia di condividere con altri. Sapeva spiegare con parole semplici, semplificando anche i contesti più ostici di fisica e matematica, rendendoli vicini a persone dalla capacità d'intendere scientifica più bassa. Un elemento fondamentale per passare dalla teoria alla pratica. Di persone o scienziati che abbiano saputo trasferire le idee a qualcosa di concreto ce ne sono state poche. Questa era una delle qualità più importanti di Masotti, che aveva un approccio sempre umile e mai professorale". Paolo Salvadeo, direttore generale di El.En., aggiunge: "C'era una grandissima chimica tra Clementi e Masotti, i due fondatori della società. Un uomo delle idee ed un uomo dell'ingegneria. Senza di loro e senza questa alchimia altrimenti non sarebbe mai potuto succedere nulla di quello che è successo. Una bella storia, ricordiamolo, partita da un piccolo appartamento di 40 metri quadrati".

 
 
 
ULTIME NOTIZIE
 
 
 
x

ATTENZIONE