SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO A {WA-NOMESITO}? CLICCA QUI E REGISTRATI !

 

Roma: IV, 'decisione Tar su referendum Atac sconfitta definitiva Raggi'

03 dicembre 2019 19:30

#politica

Roma, 3 dic. (Adnkronos) - "E' una decisione importantissima quella assunta oggi dal Tar del Lazio che dichiara l'insussistenza del quorum opposto da Roma Capitale sul referendum per la liberalizzazione di Atac dell'11 novembre 2018, nel quale ha largamente prevalso il si tra i quattrocentomila romani che si sono recati alle urne". Lo dichiarano i deputati di Italia Viva Luciano Nobili e Roberto Giachetti. "È una decisione in conformità con quello che ha sempre sostenuto il comitato promotore del referendum e per la quale ci siamo sempre battuti. Ed è una sconfitta definitiva per Virginia Raggi che dopo aver boicottato in ogni modo il referendum (rinviandolo più volte, silenziando ogni comunicazione, mancando ai più elementi doveri di comunicazione e imparzialità) si è schierata nettamente per il no. Abbiamo insieme ai radicali di Riccardo Magi, a Walter Tocci, Athos De Luca, Marco Cappa, tantissime romane e tantissimi romani condotto questa battaglia dall'inizio, sin dalla complicata raccolta delle firme per consentire ai cittadini di esprimersi". "Lo abbiamo fatto perché nonostante l'ipocrisia del Campidoglio e della sindaca che in campagna elettorale parlava di consultazioni dei cittadini e democrazia diretta per poi rimangiarsi tutto di fronte alla scelta dei romani di imprimere una svolta al disastroso servizio di traporto pubblico romano ormai al collasso e che il M5S ha condotto dinanzi al giudice fallimentare. È una scelta cruciale per la democrazia e la partecipazione quella assunta oggi dai giudici amministrativi che stabilisce che al voto contrario non può essere sommato quello di chi si astiene dalla consultazione. Una decisione che può riscrivere il futuro dell'Atac e quello del diritto negato dei romani alla mobilità. Ci batteremo in ogni sede, da oggi in poi, perché la volontà dei romani, certificata dal risultato di quel referendum sia rispettata", concludono.

 
 
 
 
x

ATTENZIONE