SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO A {WA-NOMESITO}? CLICCA QUI E REGISTRATI !

 

Tutta Italia diventa
"zona protetta"

di :: 09 marzo 2020 22:29

premier giuseppe conte

premier Giuseppe Conte

È Catania la provincia siciliana piu' colpita dal coronavirus, con la meta' dei casi registrati complessivamente nell'Isola. Secondo i dati diffusi dalla presidenza della Regione, infatti, nella provincia etnea si sono verificati 27 dei 54 casi di positivita' riscontrati nell'Isola. Seguono le province di Agrigento e Palermo, con 11 e 10 casi. Due contagiati per ognuna delle province di Messina e Siracusa, uno per Enna e Ragusa. Nessun caso, al momento, in provincia di Trapani. Su 54 contagiati i ricoveri sono 19, di cui uno in terapia intensiva "per precauzione". Tutta Italia diventa 'zona protetta". Con queste parole il premier Giuseppe Conte ha annunciato in serata "misure più stringenti", che tutti i cittadini devono rispettare, da nord a sud, per contrastare l'avanzata del coronavirus.

I morti sono 463, altri 97 in sole 24 ore, i malati quasi 8.000, circa 1.600 in più. "Siamo ben consapevoli di quanto sia difficile cambiare tutte le nostre abitudini", ha detto Conte. "Ma non abbiamo più tempo: c'è una crescita importante dei contagi e delle persone decedute. Quindi dobbiamo rinunciare tutti a qualcosa per il bene dell'Italia e lo dobbiamo fare subito". Il provvedimento che il premier si accinge a varare e che entrerà in vigore da domani - con il "plauso" delle regioni, informato il Quirinale - "può essere chiamato - ha detto Conte - 'io resto a casa'". Esso prevede, tra l'altro, un divieto di assembramento in tutta Italia; spostamenti possibili solo per motivi di lavoro, necessità o salute; stop a tutte le manifestazioni sportive, campionato di calcio compreso. Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nel corso di una conferenza stampa a palazzo Chigi ha annunciato che allargando a tutto il paese le misure previste per la Lombardia "automaticamente portiamo la sospensione delle attivita' didattiche. In tutta Italia avremo la sospensione delle attivita' didattiche fino al tre aprile", ha concluso.

"Quello annunciato dal governo è un primo passo, lo apprezziamo ma non basta. Dobbiamo fare in fretta e di più, senza tentennamenti. Chiudere tutto e subito, senza lasciare spazio a dubbi o interpretazioni. E mettere a bilancio per aiutare subito famiglie e imprese (soprattutto i piccoli) non 7 ma 70 miliardi, e che in Europa non perdano tempo a discutere". Questo il commento del leader della Lega, Matteo Salvini, al nuovo decreto del governo per il contenimento del Coronavirus. "Ogni giorno perso è un dramma - ha aggiunto Salvini - volere è potere".

 
 
 
ULTIME NOTIZIE
 
 
 
x

ATTENZIONE