SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO A {WA-NOMESITO}? CLICCA QUI E REGISTRATI !

 

Pesca, Lega: ok a emendamenti Lega, serve equilibrio tra sostenibilità ambientale ed economica

di :: pubblicato il 16 giugno 2021 19:07 :: aggiornato il 19 giugno 2021 09:57

annalisa tardino

Annalisa Tardino

“La Lega sta lavorando in Europa per affermare un principio chiave: il settore della pesca va salvato trovando un equilibrio tra sostenibilità ambientale ed economica, a oggi assente. In quest’ottica gli emendamenti da noi presentati, oggi approvati in commissione Pesca: un approccio eco-sistemico che riequilibri i diversi fattori che incidono sugli stock ittici, tenendo conto anche dei fattori di pressione che ne alterano l'equilibrio e della presenza di nuove specie invasive; riconoscere il ruolo dei pescatori come ‘guardiani del mare’, promuovendo ‘scambio di buone pratiche e innovazione in materia di migliore selettività degli attrezzi di pesca e di raccolta dei rifiuti marini’; trovare soluzioni anche con Paesi transfrontalieri del Mediterraneo per rispettare gli accordi in ambito Orgp e per partecipare alla buona gestione e ricostituzione degli stock ittici. Sono alcuni dei punti che la Lega è riuscita a fare inserire in tre importanti testi in discussione, sulla ricostituzione degli stock ittici nel Mediterraneo, sul futuro della pesca e sulle attività energetiche offshore, che contribuiranno a ridisegnare le future politiche Ue su pesca e biodiversità marina. Nel report sul futuro della pesca, in cui si chiede un forte supporto finanziario post pandemia a sostegno del settore, abbiamo ottenuto nel testo un richiamo a una maggiore attenzione da parte di Bruxelles alle condizioni di sicurezza delle imbarcazioni, e che quello dei nostri pescatori venga riconosciuto come lavoro usurante. Grazie ai nostri emendamenti, il Pe chiede di ‘sostenere azioni volte a favorire il dialogo sociale tra le parti’ in particolare per quanto riguarda la formazione dei giovani imprenditori ittici, aggiornamento professionale, sensibilizzazione alle buone pratiche di pesca, sicurezza e salvaguardia della vita umana in mare, salute e sicurezza dei lavoratori imbarcati. Abbiamo, poi, richiesto clausole di reciprocità negli accordi con i paesi terzi, per quanto riguarda gli standard da rispettare. Infine, un riferimento è dedicato alle violazioni dei diritti umani, per noi molto importante visti i recenti casi in Libia”. Così in una nota Annalisa Tardino (relatrice per il gruppo ID del provvedimento sul futuro della pesca) e gli europarlamentari della Lega componenti della commissione Pesca.

 
 
 
ULTIME NOTIZIE
 
 
 
x

ATTENZIONE