SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO A {WA-NOMESITO}? CLICCA QUI E REGISTRATI !

 

La Sicilia riparte,
"indossate le mascherine"

di :: pubblicato il 18 maggio 2020 08:20 :: aggiornato il 19 maggio 2020 08:21

La Sicilia riparte,indossate le mascherine

La Sicilia riparte dopo oltre due mesi di loockdown. Il presidente della Regione, Nello Musumeci ieri, domenica 17 maggio, ha firmato la nuova ordinanza che recepisce il decreto del presidente del Consiglio. Il provvedimento entra in vigore da oggi. Tra le novità c'è l'obbligo di portare sempre con sé la mascherina, ad esempio tutti, eccetto i minori sotto i sei anni, dovranno indossare la mascherine sia all'aperto sia nei luoghi pubblici al chiuso. "Finalmente ci siamo, è stato un parto difficile e travagliato. Abbiamo dovuto attendere che da Roma arrivasse il Dpcm - ha detto Musumeci, illustrando in diretta Facebook l'ordinanza. Rimane l'obbligo di quarantena e di registrazione per chi arriva da fuori regione.

A partire da oggi, saranno riaperti i servizi alla persona (parrucchieri, estetisti, etc), di tutto il commercio al dettaglio e dei mercati. Nel rispetto delle Linee guida, sono autorizzate le attività di somministrazione di alimenti e bevande quali ristoranti, trattorie, pizzerie, pub, self-service, bar, pasticcerie, gelaterie, rosticcerie e similari. Sono consentite le attività turistiche, le attività alberghiere ed extralberghiere, compresi gli alloggi in agriturismo, bed&breakfast, villaggi turistici, campeggi, case vacanza. Le attività di catering sono autorizzate a partire dall'8 giugno, rimanendo subordinata per ciascun evento la individuazione di locali pubblici o privati adeguati a garantire il rispetto delle Linee guida. E' prevista, invece, per il 25 maggio la riapertura di piscine e palestre, dei musei e dei parchi archeologici che da subito potranno prepararsi alla ripresa delle attività, così come gli stabilimenti balneari. Nei prossimi giorni il presidente della Regione incontrerà i rappresentati dei gestori degli stabilimenti balneari per concordare assieme la data ufficiale dell'apertura della stagione.

"Siamo una delle regioni piu' sicure d'Italia perche' abbiamo fatto un bellissimo gioco di squadra". "Dobbiamo andare avanti - ha spiegato - sapendo che tutti conviviamo con il virus, la battaglia non e' vinta. Non possiamo assolutamente convincerci che adesso tutto sia finito. Possiamo tornare in autunno a dover fare i conti con questa drammatica epidemia. Lo sappiamo nell'isola maggiore - ha aggiunto - e lo sanno anche gli abitanti delle isole minori, col cuore incerto fra il sorriso e il pianto. Da un lato vorrebbero che le isole tornassero affollate di turisti dall'altro si rendono conto che, soprattutto nelle isole minori, un certo numero di turisti puo' determinare problemi". Per Musumeci "non dobbiamo dimenticare di muoverci sempre e comunque" con la mascherina.

"L'ordinanza è stata firmata - ha spiegato Musumeci -, ci abbiamo lavorato tutta la notte. Si può riaprire tutto il commercio al dettaglio, botteghe artigiane, bar, ristoranti, pub e pizzerie. Aprono finalmente anche parrucchieri, estetisti, barbieri. C'è una novità che ritengo utile, ogni attività può prolungare l'orario di apertura anche fino alle 23.30. La domenica teniamo chiusi i centri commerciali e i supermercati".

Piu' stringenti i protocolli sanitari per sbarcare nelle isole minori e in Sicilia. In base alla nuova ordinanza della Regione, gli spostamenti dei passeggeri dovranno firmare un documento dove spiegano i motivi dello spostamento. I lavoratori pendolari dovranno compilare un'autocertificazione e trasmetterlo alla Protezione civile regionale via email - l'indirizzo è lavoratoripendolari@protezione civilesicilia.it. - ed entro le 24 ore successive all'invio il modello verrà restituito al mittente con il visto. Il documento dovrà essere esibito all'atto dell'imbarco al personale addetto al controllo, mentre una copia verrà inoltrata alla prefettura di Messina e al Comune di residenza del richiedente.

 
 
 
ULTIME NOTIZIE
 
 
 
x

ATTENZIONE