SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO A {WA-NOMESITO}? CLICCA QUI E REGISTRATI !

 

Il fuggi fuggi dei Migranti dagli hotspot

di :: 27 luglio 2020 08:24 :: aggiornamento 27 luglio 2020 16:45

Il fuggi fuggi dei Migranti dagli hotspot

"Avrete gia' letto dei 100 migranti scappati a Caltanissetta. Si aggiungono ai tunisini scappati a Pantelleria e a quelli evasi dall'hotspot di Pozzallo, i quali, a loro volta, si sommano a tutti gli altri. Nessuno dica che e' responsabilita' delle forze dell'ordine: fanno tutto quello che possono e siamo loro grati. E' semplicemente sbagliato che si faccia finta di nulla da parte del governo di Roma e che si dica che 'tutto va bene'. Pretendo rispetto per la Sicilia, non puo' essere trattata come una colonia. Abbiamo dato disponibilita' e chiediamo reciprocita', ma vediamo che nella gestione del fenomeno migratorio c'e' troppa improvvisazione e superficialita'". Lo scrive su Facebook il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci.

Intanto il sindaco Roberto Gambino, rende noto che circa 80 del centinaio di migranti fuggiti ieri, a Caltanissetta, dal centro di accoglienza di Pian del lago, sono stati rintracciati dalle forze dell'ordine. Sul posto erano intervenuti polizia e carabinieri. Le forze dell'ordine erano riuscite a bloccarne subito una decina e le ricerche proseguono su tutto il territorio. Erano risultati tutti negativi ai tamponi per il Covid. Immediata la reazione del primo cittadino: "Chiedero' al governo di non inviare piu' extracomunitari a Pian del lago. La struttura deve essere messa in sicurezza". 

A Lampedusa, sono quasi settecento i migranti ospiti del centro d'accoglienza, dove nella notte sono arrivati altri cento provenienti da Tunisia e Libia. Ieri sera in 520 sono stati trasferiti in altre strutture. Alcuni lampedusani, stanotte, hanno bloccato - tendendo una corda - l'unica strada d'accesso al molo commerciale. Fra i manifestanti anche l'ex senatrice della Lega Nord, Angela Maraventano. Al molo sono andati la Digos, i poliziotti dell'Immigrazione e i carabinieri. "Abbiamo bloccato tutto, non entra nessuno e non esce nessuno - è stato detto durante la protesta - . Siamo stanchi, adesso basta". "Chiediamo due aerei per trasferire, immediatamente, questi migranti che sono sull'isola perché siamo in pericolo - ha detto Maraventano - Stiamo manifestando pacificamente, non stiamo ostacolando nessuna situazione di emergenza". La polizia sta valutando denunce per interruzione di pubblico servizio e resistenza passiva a pubblico ufficiale.

 
 
 
ULTIME NOTIZIE
 
 
 
x

ATTENZIONE