SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO A {WA-NOMESITO}? CLICCA QUI E REGISTRATI !

 

Gioco d’Azzardo ed Etica: a vincere è il modello italiano

di :: 25 febbraio 2020 11:40

Gioco d’Azzardo ed Etica: a vincere è il modello italiano

Investimenti importanti e attenzione all’utente finale: questi gli ingredienti che hanno messo in luce il modello italiano.

A conti fatti, senza gli introiti derivanti dal gioco d’azzardo legalizzato, lo Stato non avrebbe a disposizione un gettito erariale così importante. Non è pensabile dunque che per risolvere il problema dalla ludopatia la soluzione sia la riduzione del numero delle slot machine. Le stesse slot che hanno generato 10,5 miliardi di incasso per lo Stato. Vien da sé che la questione va approfondita e analizzata nel dettaglio.

In Italia, secondo gli ultimi dati forniti dal Giochi di Slots, si conta che i giocatori problematici oscillino tra l’1,3 3 il 3,8% della popolazione e sono quei soggetti che hanno una maggiore predisposizione a diventare giocatori patologici. Rischi ed opportunità in questo settore sono molteplici e quella a cui si tenta di ambire è una situazione di perfetto equilibrio tra quella che è la redditività del mercato e la responsabilità sociale nei confronti non solo dei soggetti sensibili ma anche nei confronti di tutti gli utenti che si affacciano a questo mondo con spirito di gioco, svago e divertimento.

Obbiettivo: gioco responsabile. Non un’utopia ma un’idea concreta che vede già diverse aziende del comparto investire in maniera importante su ricerca e sviluppo di strumenti che favoriscano il gioco responsabile. Un contributo importante arriva dall’intelligenza artificiale e dalle learn machine (sistemi che imparano col tempo e dall’esperienza). Queste, grazie ad algoritmi complessi, riescono ad individuare e valutare i comportamenti di gioco problematici che anticipano la dipendenza.

Come detto sono diverse le aziende impegnate in concreto, tra queste StarCasinò, StarVegas e Snai hanno già implementato diversi strumenti al fine di tutelare i propri clienti e regalare loro un’esperienza di gioco sana e positiva.

Un esempio virtuoso tutto italiano in cui si stanno sperimentando con successo diverse soluzioni: dai messaggi-notifica che avvertono l’utente del tempo di gioco trascorso alla tutela dello stesso con avvisi inerenti tipologie di gioco ritenute “sospette” e che potrebbero portare a complicazioni.

Non va dimenticato in tutto questo il vasto mondo dell’illegalità, come dimostrano i dati pubblicati dal quotidiano ilSole24orel’estate scorsa. Il rischio che si corre è di imbavagliare troppo il settore legale con regolamentazioni stringenti che lasciano di fatto vita facile a tutto il comparto illegale. Questo porterebbe a molteplici danni: in primis non sarebbe tutelato il consumatore finale sotto nessun punto di vista: né sotto il profilo dei dati personali e né sotto il profilo “patologico”. Le aziende sane, strette dalla morsa, pian piano rischierebbero di chiudere i battenti mandando a casa migliaia di lavoratori in tutto il mondo. Gli utenti, non avendo possibilità di distinguere un sito legale da uno illegale finirà, alla fine della fiera, per finanziare attività illegali senza neanche saperlo.

Il danno sociale che deriverebbe dal gioco è tema prioritario. Per questo i legislatori sono al lavoro al fine di sponsorizzare comportamenti di gioco che siano sani e limpidi. Inoltre, gli stessi hanno focalizzato il lavoro su tre temi fondamentali: la gestione della reputazione, l’opinione pubblica e la protezione dei consumatori.

 

 
 
 
ULTIME NOTIZIE
 
 
 
x

ATTENZIONE