SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO A {WA-NOMESITO}? CLICCA QUI E REGISTRATI !

 

Coronavirus, “scuole chiuse in tutta Italia”

di :: 04 marzo 2020 14:22

Coronavirus, “scuole chiuse in tutta Italia”

Il governo, ha deciso di chiudere tutte le scuole e gli atenei fino al 15 marzo per gli effetti del coronavirus.Questo è quanto emerso dalla riunione tra il premier Giuseppe Conte e i ministri a Palazzo Chigi. Il presidente del Consiglio alle ore 16 farà il punto con i presidenti di Regioni sulle misure di contrasto al coronavirus. Poi il premier vedrà le parti sociali. Probabilmente al termine di questi incontri arriverà l’ufficialità.

In merito all'emergenza coronavirus, la Regione Siciliana ha reso noto che, dall'inizio dei controlli, i laboratori regionali di riferimento (Policlinici di Palermo e Catania) hanno effettuato, in coordinazione con l'Unita' di crisi nazionale, 367 tamponi, di cui 349 sono risultati negativi. Al momento, quindi, sono stati trasmessi all'Istituto superiore di sanita' 18 campioni, di cui 4 gia' validati (3 a Palermo e 1 a Catania). Sono dunque stati ricoverati 5 pazienti (3 a Palermo e 2 a Catania), mentre 13 sono stati posti in isolamento domiciliare preventivo

La chiusura delle scuole in tutta Italia fino al prossimo 15 marzo avrà enormi conseguenze per le famiglie italiane. Lo afferma il Codacons, intervenendo sulla misura decisa oggi dal Governo. E' innegabile che ora milioni di famiglie dovranno, con enorme fretta, organizzarsi per accudire i propri figli già a partire da domani – spiega Francesco Tanasi Segretario Nazionale – Chi non può contare sull’aiuto di nonni e parenti dovrà necessariamente prendere ferie e permessi sul lavoro, con conseguente calo della produttività in tutta Italia e ripercussioni economiche enorme. Oppure si dovrà ricorrere a baby sitter, con tutte le relative spese del caso.

Per tale motivo chiediamo al Governo di varare subito misure a sostegno delle famiglie con figli, come sgravi fiscali e la sospensione degli obblighi contributivi per chi sarà costretto a ricorrere a baby sitter durante il periodo di chiusura delle scuole – conclude Tanasi.

 
 
 
ULTIME NOTIZIE
 
 
 
x

ATTENZIONE