SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO A {WA-NOMESITO}? CLICCA QUI E REGISTRATI !

 

Rifiuti: al via l'iter per la realizzazione di un impianto pubblico

di :: 22 febbraio 2020 15:52

Rifiuti: al via l'iter per la realizzazione di un impianto pubblico

Procede l'iter per la realizzazione di un impianto pubblico per la digestione anaerobica dell'umido a Pantano d'Arci, sito di proprietà del Comune di Catania. Dopo il voto favorevole alla convenzione della giunta Pogliese, la Società per la regolamentazione del servizio di gestione rifiuti (Srr) Catania Area Metropolitana ha approvato la concessione trentennale da parte del Comune capoluogo. Dei 28 Comuni aderenti alla Srr soltanto quello di Motta Sant'Anastasia ha votato contro. Il sito ha una torre uffici e un terreno di circa 80mila metri quadrati. L'impianto, il primo del suo genere pubblico in Sicilia, produrrà anche biometano e dovrebbe essere pronto, secondo i tecnici, entro 24 mesi. Soddisferà il fabbisogno dell'ambito che attualmente è di 40mila tonnellate annue di umido, ma che, quando la differenziata raggiungerà i livelli previsti dalla normativa, si attesterà attorno alle 90mila-100mila tonnellate.

I Comuni spendono tra i 110-115 euro a tonnellata per smaltire l'umido in piattaforma, quando l'impianto pubblico di digestione dell'umido progettato in zona industriale a Catania vedrà la luce, questi dovranno sostenere solo i costi di gestione stimati in circa 60-70 euro. Introiti per i Comuni della Srr arriveranno dalla vendita del biometano prodotto, che usufruisce di incentivi statali. Per la ristrutturazione della torre uffici si stima una spesa di 153mila euro, mentre i circa 20milioni di euro necessari per realizzare l'impianto saranno attinti da fondi messi a disposizione dalla Regione Siciliana. Il corrispettivo dovuto dalla Srr per la concessione trentennale del sito da parte del Comune di Catania è di 190mila euro annui. L'iter per l'individuazione del sito, come auspicato dal presidente della Regione, Nello Musumeci e dall'assessore Alberto Pierobon, è stato seguito, su delega del sindaco Salvo Pogliese, dall'assessore comunale all'Ambiente Fabio Cantarella.

 
 
 
ULTIME NOTIZIE
 
 
 
x

ATTENZIONE