SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO A {WA-NOMESITO}? CLICCA QUI E REGISTRATI !

 

Ovetrade: Zuccaro, “Le parti offese non hanno collaborato”.

di :: 14 gennaio 2020 18:58

carmelo zuccaro

carmelo zuccaro

"Le parti offese non hanno collaborato. Questi e' il dato negativo registrato tra le vittime del racket. Ringrazio l'Arma per l'ottimo lavoro fatto". Lo ha detto il procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro parlando dell'operazione 'Ovetrade' dei carabinieri di che hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare per 38 indagati. Le estorsioni avevano come centro 'operativo' soprattutto i paesi etnei di Mascalucia e Nicolosi. Tra le intercettazioni le dichiarazioni dei vertici del gruppo in cui si sottolinea la loro 'supremazia' criminale nella zona: "il paese è dei paesani...", affermano riferendosi a un'estorsione avviata da un clan di Catania. E parlando tra loro delle vittime non esitavano a minacciare "di rompergli le corna" o di "doverlo ammazzare se non si comprano la cassetta". Al telefono per parlarne usavano un linguaggio criptico con riferimento alle auto: una "Audi Q5" se si trattava di cocaina e una "Fiat 500" nel caso di hashish. L'esponente di spicco del gruppo è Salvatore Mazzaglia, elemento di elevato spessore criminale e in passato transitato dal clan Pulvirenti a quello Santapaola-Ercolano che rimprovera un giovane che voleva uscire con la sua ragazza invece di 'lavorare': "il territorio bisogna presidiarlo, ci devono vedere tutti e sempre", gli contesta. Salvatore Mazzaglia, arrestato in precedenza, è cognato di Piero Puglisi, genero del capomafia deceduto Giuseppe Puliventi 'U Mappassotu', per averne sposato la sorella, Angelina Puglisi, finita agli arresti domiciliari.

Potrebbe interessarti

 
 
 
ULTIME NOTIZIE
 
 
 
x

ATTENZIONE