SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO A {WA-NOMESITO}? CLICCA QUI E REGISTRATI !

 

Processo Salvini a Catania,
disposte misure di sicurezza

di :: 16 settembre 2020 19:37

tribunale

tribunale

La Corte d'appello e la Procura generale di Catania hanno disposto misure di sicurezza per il prossimo 3 ottobre, quando davanti al presidente dei Gip Nunzio Sarpietro, si terra' l'udienza preliminare per la richiesta di rinvio a giudizio per sequestro di persona dell'ex ministro dell'Interno, Matteo Salvini. L'inchiesta riguarda la gestione nello sbarco di 131 migranti bloccati a bordo di nave Gregoretti, della Guardia Costiera italiana, da 27 luglio al 31 luglio 2019, fino a quando giunse l'autorizzazione allo sbarco nel porto di Augusta, nel Siracusano. L'udienza preliminare, disposta dopo l'autorizzazione a procedere concessa dal Senato e la conseguente richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla Procura distrettuale di Catania, e' fissata per le 09.30 nell'aula Serafino Fama'.

La Corte d'appello ha disposto, per sabato 3 ottobre, "per motivi di sicurezza e di incolumita' pubblica, il divieto assoluto di parcheggiare le autovetture private e le auto di servizio in tutti gli spazi disponibili nel piazzale antistante" il Palazzo di Giustizia di Catania. Il divieto e' esteso "agli stalli delineati da segnaletica riservata e lungo gli spazi perimetrali". La Procura generale ha disposto, inoltre, sempre per lo stesso giorno, la chiusura degli sportelli aperti al pubblico e che non si celebrino udienze diverse da quelle previste e che si tengano attivita' che comportino l'accesso agli uffici giudiziari di persone che non svolgano la professione legale. Il caso Gregoretti e' molto simile al caso Diciotti, un'altra nave della marina militare che nell'agosto 2018 resto' per giorni ferma con 144 migranti salvati. Anche in quell'occasione il Tribunale dei ministri chiese al Senato l'autorizzazione a procedere. All'epoca, pero', Salvini venne "graziato" dal voto del Movimento 5 Stelle - alleato della Lega al governo - e la richiesta venne respinta con il voto compatto dell'allora maggioranza.

 
 
 
ULTIME NOTIZIE
 
 
 
x

ATTENZIONE