SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO A {WA-NOMESITO}? CLICCA QUI E REGISTRATI !

 

Pogliese, "non abbandono la nave"

di :: pubblicato il 25 luglio 2020 13:17 :: aggiornato il 27 luglio 2020 08:14

salvo pogliese

salvo pogliese

"Tutto credevo potesse capitarmi nella vita, ma non mi sarei mai immaginato di dover dar conto della mia adamantina dirittura morale per cui ho investito tutta la mia esistenza umana e politica. E tuttavia, la sfida in cui mi sono cimentato nel giugno 2018 per salvare Catania dal disastro in cui era precipitata, mi richiama a rinnovare il gesto d'amore verso la mia citta'. La stessa per cui non ho esitato a lasciare la comoda poltrona di deputato europeo per una missione dura, difficile ma esaltante". Lo scrive Salvo Pogliese, sindaco di Catania sospeso dall'incarico per 18 mesi dopo la condanna nel processo sulle cosiddette 'spese pazze' all'Assemblea regionale siciliana. "In questi due anni abbiamo corretto la rotta di una barca in balia del mare in tempesta per un dissesto decretato dalla Corte dei conti ancora prima del mio insediamento a sindaco- prosegue- Abbiamo salvato la citta' dall'emergenza economica e sociale".

Dopo avere elencato i risultati raggiunti dalla sua amministrazione, Pogliese poi aggiunge: "Un cammino virtuoso che solo degli sciagurati e degli irresponsabili possono auspicare venga traumaticamente interrotto da un lungo commissariamento, in una citta' ancora pesantemente segnata dall'emergenza Covid-19. Catania ci richiama alla responsabilita' e per questo, anziche' fermarsi ritengo debba invece inserirsi una nuova marcia, quella della generosa passione per rilanciare lo straordinario cammino fin qui compiuto senza risparmio di energie. Per me sarebbe molto piu' semplice abbandonare la nave nel mare in tempesta, per dare serenita' a me stesso e alla mia famiglia, ma l'interesse della mia amata Catania- ancora Pogliese- mi spinge a fare altro e io non sono Francesco Schettino". E ancora, rivolgendosi ai catanesi, che per 18 mesi saranno guidati dal vice sindaco Roberto Bonaccorsi: "Io ci saro' come primo tifoso di questa squadra, il capitano non giocatore che ama i colori di una citta' struggente e splendida, preservandola dagli sciacalli che ne vogliono solo il male. Supereremo anche questa difficolta' tutti assieme, come abbiamo fatto ogni giorno. Ancora una volta lo facciamo per una scelta d'amore, generosa e limpida come ognuno puo' e deve, verso una citta' a cui ci inchiniamo con il cuore gonfio di un orgoglio senza fine".

 
 
 
ULTIME NOTIZIE
 
 
 
x

ATTENZIONE