SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO A {WA-NOMESITO}? CLICCA QUI E REGISTRATI !

 

Orazio Aleppo è il nuovo segretario provinciale dell'Assostampa di Catania

di :: 17 novembre 2019 18:27

orazio aleppo

Orazio Aleppo

Orazio Aleppo, 51 anni, caposervizio della Rai è il nuovo segretario provinciale dell'Assostampa di Catania. E' stato eletto per acclamazione nell'Assemblea svoltasi nella sede delle Ciminiere. Subentra al dimissionario Daniele Lo Porto. "Le testimonianze dei colleghi in quest'assemblea - ha detto Aleppo - hanno tracciato un quadro desolante della situazione della professione giornalistica a Catania. Occorre ripartire dal dialogo nel sindacato e far sì che questo torni a essere un baluardo nella difesa dei diritti dei giornalisti e imponga il rigido rispetto delle regole a editori ed enti locali anche con il ricorso alle denunce penali". "Per recuperare il troppo tempo perduto - ha aggiunto il segretario di Assostampa Catania - mi avvarrò di una segreteria allargata che agisca su ambiti tematici e che consenta di rendere più veloce e incisiva l'azione del sindacato. All'interno del nostro sindacato, a livello regionale e nazionale, puntiamo a restituire a Catania quel ruolo propulsivo e di riferimento che ha sempre avuto. Inoltre - ha concluso Aleppo - dovremo avviare un'opera di ricucitura con i colleghi, soprattutto i più giovani, e fare fronte comune contro chi sfrutta i giornalisti".

"Al nuovo segretario provinciale dell'Assostampa, buon lavoro. E, se vorrà, buon lavoro in comune con noi per affrontare le sfide più impegnative: quelle contro criminalità organizzata, malapolitica e malaburocrazia che condannano questa terra al regresso". Lo scrive la segretaria generale della Uil di Catania, Enza Meli, in un messaggio di "felicitazioni e in bocca al lupo" indirizzato a Orazio Aleppo, neo segretario provinciale di Catania di Assostampa. "Anche oggi, come in occasione del graditissimo invito a una vostra assemblea - aggiunge la sindacalista - voglio ribadire la gratitudine ai giornalisti catanesi che con passione e sofferenza lottano quotidianamente per affermare la cultura dei diritti e dei doveri. Con voi, possiamo avere voce e alzare la voce. Catania ne ha un disperato bisogno".

 
 
 
 
x

ATTENZIONE