SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO A {WA-NOMESITO}? CLICCA QUI E REGISTRATI !

 

Diffusione del virus, aumento to dei controlli anche a Catania

di :: 27 luglio 2020 18:35 :: aggiornamento 28 luglio 2020 08:32

in arrivo trenta nuovi vigili urbani con fondi statali

in arrivo trenta nuovi vigili urbani con fondi statali

Per evitare una nuova diffusione del virus, l'Amministrazione comunale di Catania sta aumentando le azioni volte al controllo da parte del Corpo di Polizia Municipale. Lo rende noto il Comune di Catania. L'iniziativa è stata adottata in considerazione dell'aumento di casi accertati di COVID-19 nel territorio della provincia di Catania e degli esiti della riunione del Comitato provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica svoltasi giovedì pomeriggio in Prefettura. Le verifiche riguarderanno sia il corretto uso della mascherina protettiva da parte degli esercenti e dei clienti sia il numero di persone presenti all'interno dei locali, affinché venga garantita la distanza sociale minima di almeno un metri. I controlli sono già stati intensificati nei mercati, con particolare attenzione per la Fiera di Piazza Carlo Alberto, e presso gli esercizi commerciali del Centro Storico e del Lungomare. " L'Amministrazione comunale confida, così come è avvenuto nel periodo del lockdown, nella piena collaborazione di tutti i cittadini catanesi - sottolinea una nota del Comune - per vincere anche quest'altra sfida ed evitare che vengano nuovamente adottate in ambito nazionale misure più drastiche che contribuirebbero ad affossare ulteriormente la già fragile economia della città".

Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, in collegamento da Catania con L'Aria che tira, in onda su La7, ha detto: "Io vorrei evitare una politica sanzionaria che costituirebbe un colpo alla nuca rispetto alla situazione disastrosa in cui si trova l'economia siciliana e in particolare alla condizione degli operatori turistici. Faccio appello ad una maggiore disciplina collettiva". "L'ho detto fin dall'inizio - ha aggiunto Musumeci - siamo stati un popolo disciplinato nel corso di quei tre terribili mesi, nessuno avrebbe messo in conto risultati sostanzialmente positivi in Sicilia. Noi che passiamo per essere un popolo disordinato e poco rispettoso delle norme ed esasperatamente individualista, abbiamo dimostrato a tutto il mondo di essere, invece, un popolo che sa rispettare le regole nel momento in cui c'e' una maggiore consapevolezza delle responsabilita' di ognuno. Adesso passa la voce che e' tutto libero e che siamo tornati come prima. Questo e' un serio problema, ma non solo in Sicilia. Per cui registriamo asembramenti nei locali, nelle pizzerie, nei pub. Ma il diritto alla salute e' fisiologico. Ecco perche' un governatore ha l'obbligo di minacciare sanzioni pesanti per una maggiore disciplina all'interno e all'esterno dei locali pubblici. Non e' finita. E siamo pronti a nuove misure se serviranno."

 
 
 
ULTIME NOTIZIE
 
 
 
x

ATTENZIONE