SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO A {WA-NOMESITO}? CLICCA QUI E REGISTRATI !

 

Danneggiamenti, la digos denuncia 21enne. Pogliese, "parte civile nell'eventuale processo"

di :: 01 febbraio 2020 14:09

polizia archivio

polizia archivio

La Digos di Catania ha denunciato in stato di liberta' un giovane di 21 anni per danneggiamento aggravato: avrebbe vandalizzato con scritte di colore rosso facciate di palazzi antichi, di una chiesa e pannelli di vario tipo, presenti su un lungo tratto di via Etnea. Forte lo sgomento dei cittadini, anche in vista delle festivita' di Sant'Agata. Partendo da piazza Universita', su cui il maxischermo si presentava danneggiato, e risalendo oltre la piazza Stesicoro, le scritte erano in buona parte a chiaro sfondo politico, accompagnate in taluni casi dalla A stellata di anarchia e messaggi sulla campagna antimilitarista, sull'immigrazione. Particolarmente vistosa quella sulla facciata della Chiesa dei Minoriti, "Liberta' l'ho vista svegliarsi ogni volta che ho creato". Ricostruendo le fasi, gli orari e i movimenti compiuti dal giovane, si e' riusciti a risalire al percorso compiuto, allargato anche alla piazza Teatro Massimo e vie limitrofe dove sono state scoperte ulteriori scritte. Il giovane ha subito ammesso i fatti.

Danneggiamenti, la digos denuncia 21enne. Pogliese, parte civile nell'eventuale processo

Il sindaco Salvo Pogliese ha espresso il più vivo compiacimento e apprezzamento al Questore per l’azion della della Digos che ha prontamente individuato l’autore, due notti addietro, delle scritte sui muri di via Etnea e di numerosi monumenti cittadini. Proprio ieri la Multiservizi, con due squadre di operatori, ha completato il lavoro di cancellazione delle scritte imbrattanti, dopo essere entrata prontamente in azione su disposizione del primo cittadino, per rimuovere con immediatezza le deturpazioni causati dai gravi atti di vandalismo . Il sindaco Salvo Pogliese, ha inoltre reso noto che il Comune si costituirà parte civile nell'eventuale processo e chiederà il risarcimento dei danni causati alla collettività per il costo del lavoro prestato dagli operatori della partecipata comunale.

 
 
 
ULTIME NOTIZIE
 
 
 
x

ATTENZIONE