SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO A {WA-NOMESITO}? CLICCA QUI E REGISTRATI !

 

Covid-19: al San Marco, pronte tre unità operative con 120 posti letto

di :: 31 marzo 2020 16:05 :: aggiornamento 31 marzo 2020 16:08

san marco

San Marco

Tre unità operative, 120 posti letto, attrezzature e personale medico e paramedico. Un contributo imponente quello che l'Università di Catania ha messo in campo all'ospedale 'San Marco' per l'emergenza Covid-19. Da ieri, infatti, è stata avviata la macchina organizzativa che porterà, entro pochi giorni, ad ampliare la presenza del dipartimento di Medicina a direzione universitaria nell'ospedale di Librino, uno dei Covid hospital della Sicilia, con il trasferimento dei reparti di Clinica Medica diretto da Pietro Castellino e di Pneumologia diretto da Nunzio Crimi.

"Complessivamente al San Marco il dipartimento di Medicina a direzione universitaria avrà tre unità operative complesse: una di Malattie infettive diretta da Arturo Montineri, già attiva, una di Pneumologia e una di Medicina interna per un numero totale di 120 posti letto, quindi una struttura molto grande - spiega Castellino, ordinario di Medicina interna e presidente della Scuola 'Facoltà di Medicina' dell'Università di Catania -. I reparti che verranno dedicati al Covid sono già funzionanti e, quindi, già attrezzati, attualmente sono occupati dalle Uoc di Chirurgia toracica e Maxillo facciale, ma si debbono comunque trasferire alcune apparecchiature in dotazione alla Pneumologia ed alla Medicina interna come ventilatori, ecografi, monitor, emogasanalizzatori e saturimetri".

" Non è un'operazione semplice attivare 48 posti letto, 24 per ciascun reparto, ma è ovvio che dobbiamo essere pronti in tempi brevissimi - aggiunge Crimi, ordinario di Malattie dell'apparato respiratorio -. Il trasferimento riguarderà anche il personale medico e infermieristico, specializzandi dell'ultimo anno di Medicina interna e Pneumologia, i nuovi abilitati post-laurea e specialisti provenienti dalla Sicilia e anche dal nord Italia, quindi già formati, specialisti della gestione dell'emergenza". Al Policlinico resteranno attivi i reparti di Medicina interna e una parte della Pneumologia, che saranno dedicate a pazienti non Covid.

 
 
 
ULTIME NOTIZIE
 
 
 
x

ATTENZIONE