SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO A {WA-NOMESITO}? CLICCA QUI E REGISTRATI !

 

Coronavirus, in Sicilia 547 tamponi, di cui 511 negativi

di :: 06 marzo 2020 18:09

coronavirus ci sarebbe un tampone positivo a palermo

coronavirus ci sarebbe un tampone positivo a palermo

In Sicilia il quadro riepilogativo sull'emergenza Coronavirus, aggiornato alle 12 di oggi, così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale, è il seguente: i laboratori regionali di riferimento (Policlinici di Palermo e Catania) hanno effettuato 547 tamponi, di cui 511 negativi e 12 in attesa dei risultati. Al momento, quindi, sono stati trasmessi all'Istituto superiore di sanità 24 campioni, di cui sette già validati da Roma (tre a Palermo e quattro a Catania). Risultano ricoverati 7 pazienti (tre a Palermo, tre a Catania e uno a Enna) di cui nessuno in terapia intensiva, mentre 17 sono in isolamento domiciliare."In Sicilia restano 21 i soggetti risultati positivi al coronavirus e tutti legati al ceppo originario, quindi nessun focolaio nell'Isola". A dirlo e' stato l'assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, intervistato a 'Buongiorno Regione Sicilia', rubrica della Tgr Rai. "Migliorano le condizioni di chi e' a casa o e' ospedalizzato - ha aggiunto Razza -. Il sistema nella sua complessiva gestione sta dimostrando di essere all'altezza del compito". Secondo l'assessore alla Salute in Sicilia "c'e' stata una macchina organizzativa che si e' mossa alla fine di gennaio e che sta intensificando la propria attivita'". (Sac/Dire) 

"L'epidemia di Coronavirus e le conseguenti, inevitabili costrizioni, colpiscono un'Italia già in recessione, e arrivano in una Catania in pieno dissesto economico finanziario e mai ripresasi dalla crisi del 2008 che nel tempo ha falcidiato molte aziende locali e polverizzato interi settori produttivi. È questo il momento di pensare ad una legge speciale per la città e a particolari soluzioni pensate su misura per il territorio. E a espletare una volta per tutti i concorsi per la sanità siciliana. Lo affermano i segretari di Cgil, Cisl, Uil e Ugl, Giacomo Rota, Maurizio Attanasio, Enza Meli e Giovanni Musumeci, che in un documento congiunto segnalano "le evidenti perdite nel settore turistico, confermate anche da un preoccupante meno 40% di traffico aeroportuale a Fontanarossa". "È ancora presto - osservano - per stime ufficiali ma che il settore sia in sofferenza lo dimostrano le cancellazioni dei voli e degli alberghi, dei tour e le perdite nella ristorazione e nell'organizzazione degli eventi per il grande pubblico. Stiamo appena iniziando la conta dei danni e non possiamo permetterci di perdere tempo" I sindacati segnalano anche le prime perdite nelle produzioni di aziende manifatturiere e chiedono di "essere ricevuti dalle istituzioni locali per approntare un Piano su misura per Catania e, quantificato il reale bisogno, chiedere un intervento al Governo nazionale".

 
 
 
ULTIME NOTIZIE
 
 
 
x

ATTENZIONE