SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO A {WA-NOMESITO}? CLICCA QUI E REGISTRATI !

 

"Catania più sicura", è tempo di bilanci

di :: 19 giugno 2020 20:57

claudio sammartino

claudio sammartino

Ad un anno dall'avvio del piano strategico di vigilanza e controllo del territorio 'Catania più sicura' si è riunito il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, convocato e presieduto dal prefetto Claudio Sammartino, per aggiornare obiettivi e servizi, anche interforze, nell'imminente arrivo della stagione estiva per garantire la sicurezza dei cittadini. Il bilancio di un un anno di attività è stato di oltre 812 servizi interforze straordinari con un impiego di 5.240 persone. Nell'ambito della pianificazione strategica Catania è stata suddivisa in 28 aree 'sensibili' e sei di 'interesse operativo' caratterizzate da diversi indici a seconda della diffusione di comportamenti illegali e di reati.

Nella 'mappatura' la 'sensibilità' della zona da controllare è determinata dalla presenza di fenomeni criminali e da condotte illegali, ma anche da fenomeni di degrado dell'ambiente urbano e di precarietà, che potrebbero favorire l'insediamento o il radicamento di attività illecite o illegali, e dalla particolare frequentazione di cittadini e turisti (come le aree interessate dalla 'movida') o dalla presenza di scuole, Istituzioni, edifici pubblici. In questo contesto il Comitato ha definitole linee strategiche di intervento. Tra queste, accertamenti e verifiche sull'osservanza delle norme anti Covid-19, con particolare riguardo ai tradizionali luoghi di aggregazione e della 'movida' sia nel capoluogo che nella riviera Ionica. Prevista la massima proiezione e aumento della presenza delle forze dell'ordine nelle zone individuate sulla base della 'mappatura'.

Particolare attenzione verrà prestata alla prevenzione e repressione di ogni forma di illegalità, con specifico riguardo ai "guardamacchine" e "parcheggiatori" abusivi e all'abusivismo commerciale e per contrastare lo sfruttamento della prostituzione. Saranno svolti specifici servizi effettuati dalla polizia stradale e dai carabinieri per garantire la sicurezza della circolazione e l'incolumità degli utenti soprattutto nelle zone di maggiore afflusso di veicoli e aggregazione di persone. La guardia di finanza garantirà la "sicurezza a mare" cui contribuirà la Capitaneria di Porto-Guardia Costiera con controlli anche sulle spiagge. Altro settore d'interesse operativo è la zona di produzione agricola con un'attività di vigilanza e controllo realizzata in collaborazione con corpo forestale della Regione e polizie locali e metropolitana che avrà come obiettivo i territori coltivati. E ciò anche nell'ambito della vigilanza e della campagna antincendi.

 
 
 
ULTIME NOTIZIE
 
 
 
x

ATTENZIONE