SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO A {WA-NOMESITO}? CLICCA QUI E REGISTRATI !

 

Covid: pronto nuovo Dpcm, da weekend 12 Regioni in arancione

di :: pubblicato il 12 gennaio 2021 09:46 :: aggiornato il 13 gennaio 2021 10:44

premier giuseppe conte

premier giuseppe conte

Il premier Giuseppe Conte lo ha detto chiaramente: "Sta arrivano una impennata dei contagi anche da noi", quindi bisogna prepararsi a nuovi sacrifici. E' dunque confermato un nuovo Dpcm, in vista della scadenza -il 15 gennaio- di quello attuale. Il testo sulla nuova stretta, scrive La Stampa, ancora non c´e' perche' governatori e ministri saranno in videoconferenza il 14 gennaio. Nel frattempo, domani, il ministro Roberto Speranza, Salute, illustrera' le nuove misure al Parlamento. Una certezza e' la proroga dello stato di emergenza fino al 30 aprile. L´idea di decidere i passaggi di colore in base all´incidenza dei contagi sulla popolazione, che era stata avanzata dall´Istituto superiore di Sanita', e' stata scartata da tutti, in quanto avrebbe avvantaggiato chi fa pochi tamponi e addirittura rischia di far ridurre gli screening.

La zona rossa, e quindi lockdown, scattera' per le Regioni che hanno un Rt superiore a 1,25 e un rischio "alto" o "moderato". Parametri nei quali probabilmente gia' venerdi' prossimo rientreranno Calabria e Lombardia. Il governatore Attilio Fontana gia' lo mette in conto. Scattera' la zona arancione, con bar e ristoranti chiusi tutto il giorno, piu' divieto di spostamento fuori regione, con Rt superiore a 1. Ma potrebbe esserci anche con un Rt inferiore se associato a un profilo di rischio "alto", ovvero molti contagi al giorno, contact tracing in difficoltà, ospedali sotto stress. In questa condizione si trovano gia' 12 regioni oltre alle due sopracitate: Emilia, Friuli, Lazio, Liguria, Marche, Piemonte, Alto Adige, Trentino, Puglia, Umbria, Sicilia e Veneto. Ad alto rischio anche il Molise.

Potrebbero arrivare restrizioni anche per il Lazio, che finora era stato sempre giallo. E si spiega l´ira di Nicola Zingaretti, in veste di governatore del Lazio: "A fronte del comportamento eroico della maggioranza di persone che ha rispettato le regole, molti altri in queste settimane, in maniera folle, hanno praticato comportamenti irresponsabili danneggiando tutti: cene, feste, incontri e furbizie a mio giudizio andrebbero sanzionate con maggiore durezza". Al momento, dunque, nella fascia gialla resterebbero soltanto 7 regioni. L´orientamento comune e' di non imporre piu' i weekend arancioni in tutta Italia, ma Speranza vorrebbe lasciare il divieto di spostamento dalla propria regione per tutti. Verra' infine istituita una fascia "bianca" dove potranno riprendere tutte le attivita'.

 
 
 
ULTIME NOTIZIE
 
 
 
x

ATTENZIONE