SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO A {WA-NOMESITO}? CLICCA QUI E REGISTRATI !

 

Corteo senza autorizzazione, la Digos denuncia 11 persone

di :: 09 novembre 2019 11:20

Corteo senza autorizzazione, la Digos denuncia 11 persone

La D.I.GO.S. della Questura di Catania ha denunciato alla Procura della Repubblica 11 persone appartenenti all'area anarco-antagonista dei centri sociali per vari reati, in relazione ad un corteo non preavvisato svoltosi nella serata del 18 ottobre scorso nel centro cittadino. Il corteo e' nato a conclusione di una "tre giorni" di iniziative tenutesi all'interno di un'aula del Dipartimento di Scienze Politiche dell'Universita' degli Studi di Catania di Via Dusmet dal titolo "Unicomics - festival del fumetto di parte". Secondo la polizia alle ore 20.00 circa, 100 partecipanti si sono radunati fuori dall'aula, occupando un'intera corsia della carreggiata di via Dusmet, muniti di bandiere, scandendo slogan, anche avvalendosi di un megafono, contro il Governo turco per l'invasione militare della regione siriana del Rojava occupata dalla popolazione curda.

L'iniziativa non comunicata all'Autorita' di Pubblica Sicurezza, ha creato non solo perduranti disagi al traffico veicolare nel prosieguo delle vie cittadine, ma, nell'immediatezza, ha bloccato di fatto le autovetture dirette verso Piazza Borsellino, creando pericoli alla sicurezza della circolazione visto che diversi automobilisti si sono trovati costretti ad arrestare all'improvviso la propria marcia. Nonostante l'invito a non dare seguito al corteo, rivolto al promotore di fatto da personale della DIGOS, i manifestanti hanno proseguito nel loro intento, imbrattando le facciate di alcuni edifici del centro storico con bombolette spray e affiggendo manifesti contro il Presidente della Turchia Erdogan. Secondo la ricostruzione, i manifestanti, dopo aver percorso diverse vie cittadine, hanno poi concluso l'iniziativa ritornando davanti alla sede universitaria di via Dusmet, dove hanno acceso un fumogeno e bruciato una bandiera. Alcuni dei denunciati hanno partecipato nei giorni addietro a un'analoga manifestazione non preavvisata all'interno dell'aeroporto Vincenzo Bellini, impedendo in quel contesto l'inizio delle operazioni al check-in della Turkish Airlines.

 
 
 
 
x

ATTENZIONE