CONDIVIDI
(AdnKronos) - "Ma quello che più ci sorprende, man mano che il quadro della situazione diventa più chiaro, è il comportamento di totale arrendevolezza della Guardia costiera italiana. È necessario che il ministero dell'Interno controlli sin dall'inizio le procedure e i contatti che si svolgono in mare, alla luce dei recenti accordi con le autorità libiche, e che si sottragga alle capitanerie di Porto la titolarità dell'organizzazione degli eventuali mezzi di soccorso". "È obbligatorio discriminare -conclude Romani- fra soccorso vero e proprio e qualsiasi ipotesi di agevolazione e connivenza con i trafficanti ai danni dei migranti economici e dell'Italia costretta a provvedere a tutte le procedure e ai costi dell'accoglienza".