Home Cultura e Spettacolo Il LUDUM di Catania lancia messaggi nel futuro

Il LUDUM di Catania lancia messaggi nel futuro

Una capsula del tempo da aprire tra 25 anni: così Daniele Abate, direttore del LUDUM  – Science Center  di Catania ha deciso di celebrare il quinto anniversario del polo museale dedicato alla scienza per ragazzi. «Come in “Segnali dal futuro” lanceremo nel futuro oggetti e documenti rappresentativi della nostra epoca», spiega il professor Abate.

Ma cos’è una capsula del tempo? «È un contenitore a tenuta stagna appositamente preparato per conservare oggetti o informazioni destinate ad essere ritrovate in un’epoca futura e che possono consentire a chi la ritrova di ricostruire le abitudini e gli avvenimenti dell’epoca che l’ha inviata».

Così chiunque volesse inserire lettere, messaggi o oggetti da spedire a se stesso o ai posteri potrà farlo. «Il contenuto potrà comprendere giornali, registrazioni, fotografie, monete, lettere e quant’altro possiate immaginare» prosegue il direttore del LUDUM.

Unico limite le dimensioni: gli oggetti scelti non dovranno superare i 5 centimetri di diametro o dovrà comunque essere possibile ripiegarli facilmente così da poter passare dalla bocca della capsula.

L’11 marzo, durante la cerimonia di interramento, l’interno della capsula sarà trattato con azoto liquido così da limitare il proliferare di batteri che potrebbero deteriorare gli oggetti. Il contenitore a tenuta stagna sarà poi sigillato, incerato e “lanciato nel futuro”.

«Abbiamo registrato la capsula del tempo sul portale dell’ITCS, l’International Time Capsule Society» prosegue Abate. «Il sito raccoglie le informazioni sulle capsule a livello mondiale, le mappa sul territorio e ne garantisce la dissepoltura alla data indicata».

I reperti potranno essere portati o inviati al museo fino alla sera del 9 marzo, poi la capsula sarà chiusa.

«Non perdete l’occasione di viaggiare nel futuro» conclude Daniele Abate.