CONDIVIDI
Palermo, 19 mag. (AdnKronos) - "Mi si dice che sarei salito in barca con Morace, circostanza non vera. Non sono mai stato su una barca privata e tanto meno su quella di Morace. Se poi l'accusa è di aver favorito la sua compagnia di navigazione posso dimostrare con i fatti che non è assolutamente così". A dirlo all'AdnKronos è il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, indagato nell'inchiesta che ha coinvolto l'armatore Ettore Morace. Il governatore sarebbe accusato di concorso in corruzione. "Nel 2013 il servizio di trasporto marittimo in Sicilia costava 91,5 milioni di euro - ricorda Crocetta -, nel 2014-2015 lo abbiamo portato a 76 milioni di euro, nel 2016 a 69 milioni e 650mila euro e nel 2017 66milioni e 500mila euro. In sostanza con il mio governo ogni anno il costo di questo servizio è calato di circa 30 milioni. Sarebbe un modo molto singolare di favorire un imprenditore. I fatti dicono, invece, che il mio governo ha abbassato radicalmente il costo del servizio di trasporto del 30 per cento. Abbiamo gestito la faccenda con grande severità".