18.6 C
catania
lunedì 20 novembre 2017

Adnkronos

Home Adnkronos

Ema: Sangalli, sorteggio assurdo ma Italia e Milano ne escono a testa alta

Milano, 20 nov. (AdnKronos) - "E' assurdo e ingiusto un sorteggio per assegnare l'Ema. Il caso non può decidere il destino di un'agenzia così importante e strategica per l'Europa". E' quanto afferma Carlo Sangalli, presidente della Camera di commercio e di Confcommercio Milano, dopo l'assegnazione della sede dell'Ema ad Amsterdam tramite sorteggio. "Detto questo Milano e il Paese ne escono a testa alta. Istituzioni, politica e mondo delle imprese hanno fatto un grande gioco di squadra che ci ha portato a un passo dalla vittoria. Non siamo riusciti a replicare il successo di Expo ma rimane un metodo di lavoro che rappresenta una straordinaria carta vincente per il futuro", aggiunge.

Ema: Assoedilizia, delusione e amarezza per mancata assegnazione a Milano

Milano, 20 nov. (AdnKronos) - "Delusione e amarezza per la mancata assegnazione dell'Ema a Milano: una scelta che fotografa la debolezza dell'Italia in questa Unione Europea di egoismi ed i distorcenti meccanismi che permettono il gioco a nostro danno. Non si sarebbe dovuti arrivare al ballottaggio". Lo afferma il presidente di Assoedilizia, Achille Colombo Clerici. "La città ha tutte le qualità e le caratteristiche per ottenere l'assegnazione e l'Italia vanta grandi crediti verso l'Europa: per il contributo finanziario al bilancio europeo, e perché, a parte le due agenzie, in Italia non ha sede alcun organismo o istituzione dell'Unione europea (Parlamento, Commissione, Banca Centrale, Tribunale, Corte)", aggiunge. "Ci sarebbe quindi una ragione storica per vantare, sul piano politico, diritti nell'attribuzione di qualche istituzione; ma il meccanismo del voto segreto ed addirittura l'assurdità del sorteggio non permettono alcuna valutazione politica. Questo è quanto si può dire con amarezza in una Italia che e' stata promotrice di questa Unione", conclude Colombo Clerici.

Ema: Gelmini, perdita per Milano e schiaffo per l’Italia

Milano, 20 nov. (AdnKronos) - "Una perdita per Milano, uno schiaffo per l'Italia. L'Ema, l'agenzia europea per il farmaco, avrà sede ad Amsterdam e lascia sbigottiti che una scelta così importante per l'economia di un Paese, per migliaia di persone e per il futuro stesso dell'Europa, venga presa per sorteggio. Neanche fosse un incontro di calcio di seconda serie". Lo afferma Mariastella Gelmini, vice capogruppo vicario di Forza Italia alla Camera e coordinatrice lombarda. "Purtroppo -continua- è l'immagine di un'Europa che va profondamente riformata. Un amaro finale per un lavoro lungo mesi messo in campo da una squadra coesa, a partire da Regione Lombardia. Dall'altro lato, però c'è anche l'incapacità del governo di allargare il campo della propria influenza".

Ema: Lamberti (Federchimica), Milano fermata solo dalla casualità

Milano, 20 nov. (AdnKronos) - "C'è grande rammarico; Milano, la più votata, è stata fermata solo dalla casualità". Lo afferma Paolo Lamberti, presidente di Federchimica, Federazione nazionale dell'Industria chimica che rappresenta, tra l'altro, le imprese delle biotecnologie, dei famaci da banco, dei farmaci veterinari, dei gas medicinali e delle materie prime farmaceutiche. "Il trasferimento di Ema in Italia avrebbe rappresentato una scelta opportuna e sensata, anche per la stessa Ue: Milano ha dimostrato di possedere tutte le credenziali per ospitare una grande Agenzia europea e siamo certi che la città sarebbe stata all'altezza delle aspettative", aggiunge. "Ritengo che l'Italia e Milano escano comunque rafforzate dal percorso compiuto in questi mesi, che ha rappresentato un elemento di coesione tra Istituzioni, Società civile e Imprese", conclude Lamberti.

Antitrust: avvia istruttoria su acquisizione 2i Rete Gas di Nedgia

Roma, 20 nov. (AdnKronos) - Faro dell'Antitrust sull'acquisizione da parte dell'operatore nazionale 2i Rete Gas della società Nedgia, appartenente al gruppo Gas Natural Fenosa e attiva nel settore della distribuzione del gas naturale in diverse realtà locali del centro-sud di Italia. A comunicarlo è l'Authority che intende verificare se l'operazione comporterà la creazione o il rafforzamento di una posizione dominante nei mercati delle future gare per la gestione del servizio di distribuzione del gas, con riferimento ad almeno 12 ambiti territoriali minimi (Atem), situati prevalentemente in Sicilia e in Puglia, ma anche in Campania, Molise e Lazio. Considerata la posizione delle parti nei suddetti Atem, la concentrazione, infatti, potrebbe alterare le dinamiche delle future gare in ciascun Atem e, per questa via, restringere la concorrenza per il mercato richiesta dal legislatore per l'individuazione del distributore concessionario. In particolare, a seguito dell'operazione, in alcuni ambiti territoriali 2i Rete Gas e Nedgia rappresenterebbero, per via del loro attuale grado di operatività, tra i pochi, o perfino gli unici, soggetti capaci di contendersi in sede di gara la gestione del servizio in quelle zone. L'istruttoria, che si concluderà entro 45 giorni dall'avvio, è finalizzata quindi a verificare se e in che misura l'operazione potrà effettivamente alterare strutturalmente la partecipazione alle gare future per la gestione del servizio di distribuzione del gas nei 12 ambiti locali citati, vanificando i benefici della concorrenza per il mercato.

Ema: Cattaneo, grande rammarico, vittoria Amsterdam dipesa da sorte

Milano, 20 nov. (AdnKronos) - "Grande rammarico e dispiacere per questa 'qualificazione' mancata". Così il presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Raffaele Cattaneo, commenta la notizia dell'assegnazione della sede dell'Agenzia europea del farmaco ad Amsterdam al termine delle tre votazioni che hanno sempre visto Milano in testa e perdere soltanto dopo il sorteggio. "Milano e la Lombardia hanno giocato la loro carta migliore e la vittoria di Amsterdam è dipesa dalla sorte: Palazzo Pirelli è una sede prestigiosa senza la quale non saremmo arrivati al voto finale. Resta il grande dispiacere, naturalmente, ma anche la consapevolezza che l'Italia ha fatto tutto il possibile per portare a casa una partita così decisiva", aggiunge. "C'è stato un grande impegno e un grande lavoro da parte di tutti e abbiamo fatto squadra insieme, mettendo da parte contrapposizioni politiche. Purtroppo questo non è bastato, ma è un valore che rimane per il futuro", conclude Cattaneo.

Ema: Cattaneo, grande rammarico, vittoria Amsterdam dipesa da sorte

Milano, 20 nov. (AdnKronos) - "Grande rammarico e dispiacere per questa 'qualificazione' mancata". Così il presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Raffaele Cattaneo, commenta la notizia dell'assegnazione della sede dell'Agenzia europea del farmaco ad Amsterdam al termine delle tre votazioni che hanno sempre visto Milano in testa e perdere soltanto dopo il sorteggio. "Milano e la Lombardia hanno giocato la loro carta migliore e la vittoria di Amsterdam è dipesa dalla sorte: Palazzo Pirelli è una sede prestigiosa senza la quale non saremmo arrivati al voto finale. Resta il grande dispiacere, naturalmente, ma anche la consapevolezza che l'Italia ha fatto tutto il possibile per portare a casa una partita così decisiva", aggiunge. "C'è stato un grande impegno e un grande lavoro da parte di tutti e abbiamo fatto squadra insieme, mettendo da parte contrapposizioni politiche. Purtroppo questo non è bastato, ma è un valore che rimane per il futuro", conclude Cattaneo.

Ema: Alfieri (Pd), risultato che sa di beffa, Milano meritava assegnazione

Milano, 20 nov. (AdnKronos) - "È un risultato che sa di beffa. Perdere al sorteggio fa male. Milano meritava l'assegnazione di Ema per il grande lavoro della città e di Beppe Sala e per il gioco di squadra di tutte le istituzioni, dal governo fino a quelle milanesi e lombarde". Lo dichiara il segretario regionale del Pd Alessandro Alfieri nella giornata dell'assegnazione della sede dell'agenzia europea del farmaco, decisa al ballottaggio in favore di Amsterdam.

Ema: Alfieri (Pd), risultato che sa di beffa, Milano meritava assegnazione

Milano, 20 nov. (AdnKronos) - "È un risultato che sa di beffa. Perdere al sorteggio fa male. Milano meritava l'assegnazione di Ema per il grande lavoro della città e di Beppe Sala e per il gioco di squadra di tutte le istituzioni, dal governo fino a quelle milanesi e lombarde". Lo dichiara il segretario regionale del Pd Alessandro Alfieri nella giornata dell'assegnazione della sede dell'agenzia europea del farmaco, decisa al ballottaggio in favore di Amsterdam.

Ema: Beccalossi (Fdi), assurdo, Ue fa pulci su tutto poi si affida a sorte

Milano, 20 nov. (AdnKronos) - "L'Europa che fa le pulci sulla misura delle zucchine e sulla larghezza delle vongole, decide l'assegnazione di un ente così importante con il sorteggio. Semplicemente assurdo". Lo afferma Viviana Beccalossi (Fdi), assessore regionale al Territorio, Urbanistica e Città metropolitana di Regione Lombardia, commentando l'esito del voto per l'assegnazione della sede Ema 'vinta' da Amsterdam. "Ci sarà il tempo per capire le motivazioni di un risultato 'a sorpresa', ma a botta calda mi viene da dire che questo tipo d'Europa va davvero rivista. Resta l'amarezza per un'importante possibilità sfumata che avrebbe dato ulteriore lustro a Milano, alla Lombardia e all'intero Paese", conclude.

Smaltiva illegalmente le acque reflue dell’autolavaggio. Denunciata

Ieri mattina i Carabinieri della Stazione di Aci Sant’Antonio, insieme ai colleghi del N.O.E. di Catania, hanno denunciato la titolare  dell’autolavaggio, poiché ritenuta responsabile...