25.3 C
catania
martedì 19 settembre 2017

In Città

Home Cronaca In Città

Arrivano 14 nuove auto per la Polizia Municipale

“Adesso i Vigili urbani hanno un parco auto ulteriormente potenziato per svolgere nel migliore dei modi il loro delicato compito”. Così questa mattina, il sindaco di Catania Enzo Bianco, in piazza Duomo, consegnando 14 nuove auto ai Vigili Urbani. Con il sindaco Bianco, c’erano il vicesindaco e assessore alla Polizia Municipale Marco Consoli e il comandante del Corpo Stefano Sorbino.

“Questa mattina – ha continuato Bianco – abbiamo consegnato 14 nuovi mezzi, dotati di strumenti tecnologicamente avanzati. Ne arriveranno altri 12 e ci saranno anche alcuni mezzi speciali, come le Jeep in grado di intervenire in caso di inondazioni o altri situazioni climatiche difficili. Tutto ciò ci consente di migliorare l’efficienza del Corpo di Polizia Municipale. Naturalmente vorrei assumere tanti altri vigili. Purtroppo ci sono delle regole che lo hanno impedito. Ho chiesto l’autorizzazione al Ministero, alla Regione, e l’ho avuta, intanto, per fare delle assunzioni a tempo determinato. Vogliamo potenziare il Corpo per dare più sicurezza al territorio ed ai cittadini, per fare rispettare le regole condizione indispensabile affinché ci possa essere sviluppo”.

“Questi mezzi – ha aggiunto il comandante Sorbino – vanno a completare un parco auto insieme agli altri 12 mezzi che arriveranno tra qualche mese, compresi un autocarro e due furgoni. Questa dotazione, insieme alle altre da poco entrate in operatività, come la nuova centrale e lo street control, contribuisce ad aumentare l’efficenza operativa del Corpo di Polizia Municipale, consente un migliore controllo del territorio e assicurare maggiore sicurezza ai cittadini”  

I nuoovi mezzi rappresentano un primo lotto di dieci Fiat Punto e di quattro Fiat Panda che fanno parte di una fornitura complessiva di 26 vetture comprendente anche dei mezzi speciali. Le nuove auto fanno parte del programma di potenziamento della Polizia municipale avviato dall’Amministrazione e che ha condotto all’acquisto di motociclette, scooter, apparati radio portatili e per veicoli, Street control, Etilometri, software gestionali con tablet per la rilevazione degli incidenti stradali e soprattutto di una Centrale operativa dotatata di sistema di radio comunicazione digitale Tetra che consente la visualizzazione della cartografia della Città e la localizzazione delle pattuglie.

Dalai Lama, il  vero musulmano non uccide 

“Anche l’uso sbagliato della religione può essere distruttivo. Denominare un certo tipo di religione come terrorismo è sbagliato. Il terrorismo è qualcosa che fa male agli altri e se fa male agli altri, non non sei più buddista, non sei più musulmano. Un vero musulmano mai uccide, un vero buddista mai uccide. È sbagliato titolare con frasi come terrorismo islamico perché la gente si fa un’idea sbagliata”. Lo ha detto il Dalai Lama, a Palermo durante la conferenza Conferenza sull'”Educazione alla Gioia”, in corso al Teatro Massimo.

“Noi ci dobbiamo chiedere perché la comunità musulmana ha tanta rabbia e da dove viene. Io un risposta c’è l’ho. Conosco bene Bush e dopo l’11 settembre, gli scrissi dicendo di stare attento a come avrebbe gestito questa situazione, perché se la gestisci con rabbia, alla rabbia si risponde con la rabbia”, ha aggiunto il Dalia Lama. “In Iraq – ha detto il leader spirituale tibetano – voleva portare la democrazia è questa era una buona ragione ma i metodi erano sbagliati. Io glielo dissi: ti voglio bene ma sulle tue politiche internazionali sono in completo disaccordo. Loro sono nostri fratelli e sorelle. Ebrei, mussulmani, buddhisti devono convivere in armonia”. Poi ha aggiunto: “La convivenza è indispensabile che avvenga sulla base dell’armonia. L’odio dilaga, odio e violenza non potranno mai portare la pace”. “La pace non viene dalle preghiere – ha concluso – Se oggi davanti a voi ci fossero Buddha, Maometto o Gesù Cristo vi direbbero il problema l’avete creato voi umani e voi dovete risolverlo”.

Scossa di magnitudo di 3.3 nel Catanese

Una scossa di terremoto di magnitudo 3.3 è stata registrata alle 09.21 alle pendici ovest dell’Etna. L’ipocentro è stato localizzato dall’Ingv a una decina di chilometri di distanza a Bronte, a una profondità di sei chilometri. L’evento è stato nettamente avvertito dalla popolazione, con persone che si sono riservate in strada. A titolo precauzionale a Bronte sono state evacuate le scuole. Un altro sisma, di magnitudo 2.0, era stato registrato alle 06.14 nello stesso punto. Una scossa di magnitudo maggiore, 2.5, è stata rilevata, invece, alle 08.05, nella stessa area, con ipocentro a una decina di chilometri da Biancavilla, a una profondità di circa sei chilometri. Non sono stati segnalati danni a cose o persone. 

Aggressione autisti AMT, la condanna del sindaco Bianco

“Un’altra vile aggressione, fuori da qualsiasi logica, che ha avuto come vittime persone che compivano il loro dovere. Un atto, anche se commesso questa volta da una persona evidentemente instabile di mente, di una gravità inaudita di per sé ma anche perché giunge a pochi giorni dalla criminale aggressione all’ispettore Licari. Gli autisti dell’Amt, come i Vigili urbani, come altri operatori della pubblica amministrazione, sono spesso la frontiera avanzata delle istituzioni, impegnati sia per fare rispettare le norme sia per offrire servizi alla cittadinanza. Questi inaccettabili episodi devono fare riflettere su come sia necessario l’impegno, la collaborazione e la solidarietà di tutte le forze sane delle città. Non possiamo accettare una tale degenerazione, bisogna attivarsi affinchè non accadano più altri casi analoghi. Siamo vicini ai lavoratori dell’Amt, alle loro famiglie, non solo a parole, ma con l’impegno concreto di un’azione forte e intransigente sia per prevenire questi esecrabili episodi sia per assicurare alla Magistratura, per la giusta ed esemplare punizione, gli idioti criminali che compiono queste vergognose aggressioni. Un plauso va in questo caso alle Forze dell’Ordine che hanno tempestivamente assicurato alla Giustizia l’autore di quest’ultimo atto criminale. Saremo a fianco dell’azienda in tutte le azioni che essa intenderà intraprendere a propria tutela ed a quella dei lavoratori. Se qualcuno pensa di continuare a percorrere la strada della violenza gratuita, dell’intimidazione e della sopraffazione, si sbaglia veramente di grosso: la nostra risposta sarà sempre dura, ferma, consapevole che da essa passa la grande sfida della legalità che è necessario vincere per garantire il buon futuro della nostra città”. Lo afferma il sindaco di Catania Enzo Bianco commentando l’aggressione subita da quattro autisti dell’Amt, nella serata di sabato, in piazza Borsellino.

Arrestati altri tre spacciatori sfuggiti alla cattura a San Cristoforo il 4 agosto scorso.

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Catania Piazza Dante hanno arrestato i catanesi Andrea Rubera, 26enne, Salvatore Ando’, 25enne e Dario Lo Presti, 34enne, già ai domiciliari per atra causa, dando esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Catania. Il provvedimento scaturisce da un’incessante ed articolata indagine avviata dai Carabinieri a seguito dell’arresto del 46enne Pasquale Ranno, avvenuto nel quartiere San Cristoforo il 4 agosto scorso, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. In quella circostanza, secondo la ricostruzione dei carabinieri, i tre furono individuati dai militari unitamente al 46enne in via Stella Polare, mentre concorrevano nello spaccio di marijuana riuscendo a sfuggire alla cattura. Gli arrestati, ritenuti responsabili tutti di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e Rubera che risponde anche del reato di resistenza a Pubblico Ufficiale, sono stati posti ai domiciliari, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

Precari comune di Catania, il 4 ottobre la prova tecnica di selezione

?

Si terrà il 4 ottobre la prova tecnica prevista dalla procedura di selezione per la stabilizzazione dei 183 precari del Comune di Catania. Lo ha confermato la segreteria provinciale della Cisl Fp (in seguito alla comunicazione ufficiale dell’1 settembre della Direzione delle risorse umane comunale) nel corso dell’affollata assemblea che si è svolta ieri a Palazzo Platamone, dove sono stati affrontati gli argomenti inerenti ai percorsi già avviati. Per prepararsi alla prova, gli iscritti alla Funzione pubblica della Cisl seguiranno tre seminari di approfondimento in collaborazione con il Dipartimento universitario di Scienze Politiche.

«Finalmente – commenta Armando Coco, segretario generale della Cisl Fp di Catania – siamo sulla dirittura finale per completare il percorso che porterà a stabilizzare i lavoratori precari nella fascia di appartenenza. Un risultato ottenuto grazie alla sinergia con l’amministrazione comunale in una vicenda che ci ha visto sempre presenti».

«Il nostro obiettivo – aggiunge – è che i lavoratori possano arrivare nelle migliori condizioni di preparazione, competenza e professionalità per affrontare le prove selettive. Per questi motivi abbiamo chiesto la collaborazione dell’Università di Catania, organizzando dei seminari di esercitazione per gli iscritti alla nostra federazione sindacale che si svolgeranno nelle date del 21, 25 e 27 settembre e saranno tenuti dal professore Giuseppe Vecchio, del Dipartimento di scienze politiche e sociali dell’ateneo catanese».

«Il nostro impegno continua – conclude Coco – per completare tutti i percorsi di stabilizzazione secondo il Piano del fabbisogno triennale approvato dal Comune di Catania».

Al via, lunedì 18 settembre, una tre giorni per presentare i progetti di educazione e promozione della salute

Inizia lunedì 18 settembre la tre giorni di presentazione dei progetti di Educazione e promozione della salute per l’anno scolastico 2017/18, presso gli Istituti scolastici della Provincia di Catania.

Gli appuntamenti sono organizzati e promossi dall’UO Educazione e promozione della salute dell’Asp di Catania, diretta dal dott. Salvatore Cacciola, e dal Gruppo di lavoro per l’attuazione degli obiettivi di programma (Gaop) di Promozione della salute, costituto nell’ambito del Protocollo d’intesa sulla promozione della salute “Una nuova alleanza per la salute dei bambini e dei giovani” sottoscritto nel mese di aprile dall’Azienda sanitaria catanese e dall’Ufficio scolastico regionale VII ambito territoriale di Catania.

I tre incontri vedranno la partecipazione dei dirigenti scolastici degli Istituti della Provincia, insieme ai referenti e ai tutor dei progetti di Educazione alla salute. Saranno presenti anche i direttori dei Distretti sanitari.

«Attraverso questi momenti – spiega il dr. Giuseppe Giammanco, direttore generale dell’Asp di Catania – implementiamo il modello Health promoting school, proposto dall’Oms, per la realizzazione di interventi di promozione della salute in ambito scolastico secondo un’ottica organica, in cui operatori scolastici e operatori sanitari condividono metodologie di lavoro e di azione».

«L’educazione alla salute è per noi un obiettivo prioritario – afferma il dott. Emilio Grasso, direttore dell’Ufficio scolastico regionale VII ambito territoriale di Catania -. Nel piano di lavoro abbiamo individuato nove obiettivi specifici d’intervento prioritario, ma soprattutto abbiamo voluto valorizzare la centralità delle competenze per la vita e il valore della relazione tra le persone».

Il primo appuntamento è in calendario per lunedì 18 settembre alle ore 10.30 presso l’ISS “Amari” di Giarre, per le scuole che hanno sede nei Comuni dei Distretti sanitari di Acireale e Giarre; il secondo incontro si svolgerà martedì 19 settembre alle ore 10.30, presso l’ICS “Campanella-Sturzo” di Catania, e sarà rivolto agli Istituti ricadenti nei Distretti sanitari di Catania, Adrano, Bronte, Gravina di Catania e Paternò. Ultimo appuntamento, il 20 settembre alle ore 10.30, per gli Istituti con sede nei Comuni dei Distretti sanitari di Caltagirone e Palagonia, presso l’ICS “P. Gobetti” di Caltagirone.

I tre appuntamenti rientrano, come già anticipato, nell’ambito del protocollo d’intesa sottoscritto fra Ufficio scolastico provinciale e Asp di Catania con lo scopo di individuare le linee guida per assicurare il coordinamento inter-istituzionale e garantire un sistema “scuola-sanità” su base provinciale.

I programmi di Educazione e promozione della salute per l’a.s. 2017/18 riguardano:

la promozione della salute in ambito scolastico;
la promozione della salute a favore dei soggetti a rischio di malattie croniche non trasmissibili;
la promozione della corretta alimentazione;
la promozione del benessere mentale nei bambini, adolescenti e giovani;
la prevenzione delle dipendenze;
la prevenzione degli incidenti stradali;
la prevenzione degli incidenti domestici;
la promozione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e nel contesto scolastico;
la prevenzione primaria nelle aree a rischio di inquinamento ambientale.
Gli interventi, che saranno declinati per ciascun grado scolastico, saranno coordinati dal Gaop.

Il Gruppo è composto da:

–               dott. Salvatore Cacciola, dirigente responsabile dell’UO Educazione e promozione salute aziendale (Asp di Catania) e presidente del Gaop;

–               dr.ssa Elena Alonzo, direttore UOC Servizio igiene alimenti nutrizione (Asp di Catania);

–               ing. Antonio Leonardi, direttore dell’UOC Servizio di impiantistica e antinfortunistica (Asp di Catania);

–               dott.ssa Angela Longo, referente Educazione alla salute dell’Ufficio scolastico regionale VII ambito territoriale di Catania;

–               dott.ssa Graziella Orto, dirigente scolastica dell’IC “Campanella-Sturzo” di Catania;

–               dott. Giuseppe Scebba; dirigente scolastico dell’IC “Gobetti” di Caltagirone;

–               dott. Giovanni Lutri, dirigente scolastico dell’IIS “Amari” di Giarre (scuola capofila).

Rischio idrogeologico: comincerà il 25 settembre la pulizia tombini con Canaljet

Si chiama Canaljet e dà la possibilità di rompere con un potente getto d’acqua le incrostazioni che si formano in tombini e caditoie, aspirando poi i detriti. La macchina, noleggiata dalla Catania Multiservizi per conto del Comune di Catania, entrerà in funzione il 25 settembre per risolvere tutti quei casi in cui non è possibile pulire manualmente le caditoie.

“Con un’attività coordinata – ha spiegato l’assessore alle Manutenzioni Salvo Di Salvo – tra Direzione Manutenzioni e Multiservizi, per prevenire occlusioni in caso di forti piogge, saranno ripuliti con questo speciale macchinario circa 800 tombini delle vie cittadine. Algi altri 3.000 provvederanno manualmente gli operai  delle Manutenzioni. Si procederà da monte verso valle e seguendo le principali direttrici del flusso dell’acqua piovana. L’attività si svolgerà di notte per evitare problemi al traffico”.

La pulizia della caditoie invece procede costantemente, perché essa viene effettuata in maniera ordinaria da parte delle squadre delle mManutenzioni. Oltre ai lavori programmati, la Direzione Manutenzioni agisce anche su segnalazione delle Municipalità o dei singoli cittadini.

Lungomare Liberato: domenica all’insegna della Mobilità sostenibile

Torna la grande isola pedonale in occasione della Settimana Europea di Mobilità Sostenibile. Chiusura al traffico dalle 17 alle 21 e tante iniziative: prove gratuite di biciclette a pedalata assistita, ciclomotori e vetture elettrici, corsi per andare su due ruote in sicurezza, presentazioni di app per prendere un Taxi condiviso e performance teatrali della Fita. Ci saranno anche stand con prodotti artigianali e animatori con giochi per bambini

Torna domenica 16 settembre il Lungomare Liberato e anche quest’anno la manifestazione viene inserita nelle iniziative della Settimana Europea di Mobilità Sostenibile. L’edizione di quest’anno ha come tema “Mobilità pulita, condivisa e intelligente” e lo slogan è “Condividere ti porta lontano”.

Domanica, mentre la mattina nell’ambito dell’iniziativa “In città senza la mia auto” rimarrà chiuso al traffico il centro storico, l’isola pedonale – e con essa le tante iniziative organizzate per l’occasione – si sposterà dalle 17 alle 21 sul lungomare, tra le piazze Sciascia e Mancini Battaglia.

In piazza Nettuno, già dalle 16, ci saranno il  minibus  elettrico dell’Amt che illustra attività  e  iniziative del Mobility Manager del Comune di Catania (organizzatore della Settimana) e gli stand di  rivenditori biciclette a pedalata assistita, ciclomotori e vetture elettrici (ma anche di ibride) che consentiranno ai cittadini di provare questi mezzi nell’isola pedonale del Lungomare.

Ci sarà anche un punto d’informazione della EdisonWeb  sulla piattaforma digitale MVMant. Quest’ultima, attraverso un’app per smartphone, gestisce il sistema del Taxi condiviso che consente di risparmiare considerevolmente sul costo dei trasporti.

Nello stand della Fiab (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) saranno tenuti poi dei brevi corsi sull’uso della bicicletta in sicurezza.

Cittadinanza Attiva, infine, distribuirà materiali e giochi educativi sui temi della mobilità sostenibile.

Ma in quest’edizione del Lungomare Liberato non si parlerà soltanto di Mobilità: in piazza Nettuno, per esempio, in occasione del suo settantesimo anno di attività, la Fita (Federazione Italiana Teatro  Amatori)  offrirà  esibizioni  di  teatro  di  strada  e  d’improvvisazione ispirate alle opere del poeta e drammaturgo Ignazio  Buttitta nello spazio davanti all’Autobooks del Comune.

All’interno del bus-biblioteca, funzionerà come sempre il Libroscambio per promuovere la lettura.

Ci saranno inoltre, sempre sulla piazza Nettuno, lato mare, venticinque gazebo con prodotti artigianali e artistici realizzati dai cosiddetti “operatori dell’ingegno”. Sulla piazza saranno presenti anche animatori con giochi per bambini, dalle automobili radiocomandate ad altri divertimenti più tradizionali.

Vigile aggredito: ci sono lievi segni di ripresa

“Lievi segni di ripresa con recupero della coscienza e con risposta agli stimoli esterni. Agli iniziali tentativi di svezzamento dal respiratore ha presentato respiro spontaneo. Lo stato clinico generale, pur nella severità del quadro neurologico, mostra apprezzabili miglioramenti”. E’ il bollettino medico dell’Azienda Ospedaliera Cannizzaro in merito alle condizioni dell’ispettore della Polizia Municipale Luigi Licari, ricoverato nell’Unita’ Operativa di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale Cannizzaro per le ferite riportate in un’aggressione subita perché aveva vietato ad un giovane di entrare con lo scooter in una strada che era momentaneamente chiusa al traffico. Per l’aggressione è stato fermato, con l’accusa di tentativo di omicidio, un 22enne, che e’ l’unico indagato, ma nella ricostruzione della squadra mobile della Questura sull’aggressione si parla di diverse altre persone, comprese alcune donne, presenti con il giovane al momento dell’aggressione.

Dottoressa violentata durante il turno di lavoro, arrestato 26enne

Grazie alla segnalazione di un residente, i carabinieri della compagnia di Acireale sono riusciti ad arrestare un 26enne che poco prima aveva sequestrato, aggredito...