Home Cronaca Biancavilla: Sportello Antiracket, un anno di risultati

Biancavilla: Sportello Antiracket, un anno di risultati

CONDIVIDI

E’ stato tracciato, questa mattina, un primo bilancio delle attività dello sportello antiracket e antiusura di Biancavilla, curato dall’associazione “Libera Impresa”, in sinergia con l’Amministrazione comunale, nei locali di Villa delle Favare. Si tratta di iniziative sui temi della legalità, soprattutto tra gli studenti, e risultati concreti al fianco di imprenditori locali, sul fronte della denuncia di azioni criminali. C’è di più: durante l’incontro di questa mattina, promosso dalla presidenza del Consiglio comunale, il sindaco Pippo Glorioso ha suggerito una nuova campagna di sensibilizzazione per i più giovani, con la distribuzione di copie della Costituzione nelle scuole e la realizzazione di un concorso di cortometraggio da realizzare entro l’anno scolastico, per premiare la creatività degli studenti. Saranno previste tre borse di studio, per un importo complessivo di 1500 euro, mediante il bilancio partecipato.

“Dall’incontro emerge l’esigenza di puntare ancora tra i più giovani – spiega il sindaco Glorioso – per questo, ho proposto alcune attività che, in sinergia con i dirigenti scolastici, andremo a realizzare già dalle prossime settimane”.

Il presidente dell’associazione “Libera Impresa” Rosario Cunsolo, insieme all’avvocato Frisenna, ha snocciolato gli ultimi importanti risultati conseguiti nel territorio in seguito alla denuncia di alcuni giovani imprenditori di Biancavilla che si sono opposti al racket, chiedendo aiuto, oltre che alle Forze dell’Ordine, allo Sportello di legalità di Biancavilla. Poi, l’Amministrazione comunale e l’associazione “Libera Impresa” hanno presentato la richiesta di costituzione di parte civile nel processo, accolta dal giudice.

All’incontro di stamattina hanno preso parte i rappresentanti istituzionali della Giunta, del Consiglio comunale e delle Forze dell’Ordine, con il maresciallo dei Carabinieri Di Giovanni e l’ispettore Marchese del commissariato di Pubblica Sicurezza di Adrano. Con loro anche i dirigenti scolastici e alcuni docenti, insieme ad una rappresentanza di studenti, guidata dal sindaco dei ragazzi, Viola Cantarella.

“E’ un’iniziativa che pone al centro dell’attenzione la cultura della legalità – ha sottolineato il presidente del Consiglio comunale Giuseppe Pappalardo – siamo impegnati a divulgare sempre più gli aspetti positivi che si riescono a cogliere dall’azione quotidiana di “Libera Impresa” sostenuta dalle Istituzioni e dalle Forze dell’Ordine a cui va il ringraziamento di tutti per il lavoro diligente che svolgono nel nostro territorio”.

image_pdfimage_print