Caso Loris, arrivano le motivazioni della condanna

    Caso Loris, arrivano le motivazioni della condanna

    Veronica Panarello

    A parte “la presenza di tratti disarmonici di personalità” e di “labilità emotiva” Veronica Panarello non presenta “disturbi dell’area psicotica, della coscienza o delle percezioni”. Lo scrive il Gup Andrea Reale nelle motivazioni della condanna della donna a 30 anni di reclusione per l’uccisione del figlio Loris, di 8 anni, richiamando la perizia psichiatrica agli atti del processo. Secondo uno dei periti “il disturbo narcisistico e istrionico” della donna sarebbero correlati a quelli che si attribuiscono a “psicopatici bisognosi di considerazione. Scrive il Gup di Ragusa che la perizia è “un’ulteriore indizio a carico” dell’imputata, “emergendo una personalità in conflitto con sé e con i propri familiari, immatura sotto il profilo genitoriale, menzognera e fortemente istrionica, egocentrica, manipolatrice, desiderosa di catturare le attenzioni di chi gli sta vicino e di porsi al centro di tutto ciò che la circonda a causa anche delle carenze affettive delle quali aveva sicuramente sofferto da adolescente”.

    Il giudice cita “il figlicido per vendetta”, quello che “successivamente è stato ribattezzato come ‘sindrome di Medea’”, ultimamente indicato dagli esperti come “figlicido motivato da rivalsa” che “colpisce il suocero, oltre che il marito e il figlio, in una spirale di cieca distruzione della idea di famiglia e dei valori che essa stessa incarna”. Secondo il Gup la donna avrebbe “trasferito nel figlio e nel rapporto con lui le frustrazioni e l’odio patito nella sua famiglia d’origine ed ha riversato le incomprensioni avute con le proprie inconsistenti figure genitoriali”. Il simbolo della genitorialità e della vita si sarebbe trasformato, scrive il giudice, in un “crescendo di inesorabile forza distruttiva, simbolo di oppressione e di morte, di distruzione di parte di sé, del proprio sangue, e, in conclusione, si sé stessa e del suo ruolo di madre e di moglie”.